martedì 12 settembre 2017

Messico - Comunicato del CNI per la solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma



Alla Sexta Nazionale e Internazionale

Ai mezzi di comunicazione liberi

Al popolo del Messico

Noi popoli, nazioni, tribù e quartieri indigeni del Congresso Nazionale Indigeno esprimiamo il nostro appoggio e la nostra solidarietà con le compagne e i compagni dei popoli fratelli della regione dell’Istmo di Tehuantepec, Oaxaca, così come con i nostri fratelli e sorelle della costa del Chiapas, dinanzi al sisma avvenuto la notte del passato 7 settembre, che ha lasciato distruzione, feriti e compagni morti delle nostre comunità.

Sappiamo che, come è costume dei malgoverni, essi si prenderanno gioco della nostra sofferenza, si faranno una fotografia sulle macerie e lucreranno sul dolore delle popolazioni in disgrazia, ragione per cui chiamiamo gli uomini e le donne di buon cuore, i collettivi della Sexta Nazionale e Internazionale e tutto il popolo del Messico, a solidarizzare e a concentrare coperte, alimenti non deperibili e medicinali in appoggio alle popolazioni di quelle regioni, nel domicilio del Consiglio Indigeno di Governo (CIG) del Congresso Nazionale Indigeno, ubicato in via Dr. Carmona y Valle No. 32, colonia Doctores, a Città del Messico, a un isolato e mezzo dalla stazione della metro Cuauhtémoc; allo stesso modo chiamiamo ad aprire centri di raccolta lungo tutta la geografia nazionale, facendo in modo di canalizzare il sostegno attraverso il CIG, perché arrivi direttamente alle popolazioni colpite. A tale scopo si mette a disposizione l’indirizzo ufficiale di posta elettronica comunicacion@congresonacionalindigena.org.

A tutti loro, il nostro appoggio rispettoso.

Denunciamo la continuità della guerra capitalista per saccheggiare i nostri popoli. In particolare, la comunità autonoma tepehuana e wixárika di San Lorenzo Azqueltan, nel municipio di Villa Guerrero, Jalisco, sta affrontando il saccheggio delle sue terre da parte di presunti piccoli proprietari, e aggressioni alle proprie autorità agrarie. In date recenti si sono intensificati i saccheggi di terre comunali e le aggressioni alle autorità agrarie da parte del Presidente Municipal Aldo Gamboa Gutiérrez, che ha istigato alla violenza, al saccheggio, all’aggressione e alle minacce contro i comuneros, regalando bestiame a persone estranee alla comunità perché si impossessino dei terreni comunali e minaccino di morte le autorità comunitarie, come per le minacce ricevute il passato lunedì 21 agosto di quest’anno, proprio all’uscita della presidenza municipale, in cui si erano riunite con il presidente per cercare di fermare le aggressioni. A ciò è seguita la negazione dei servizi municipali ai figli dei comuneros, come il trasporto dalla comunità al capoluogo municipale, dove studiano, e la persecuzione poliziesca contro le autorità agrarie.

Per quanto sopra, responsabilizziamo il presidente municipale di Villa Guerrero, Jalisco, Aldo Gambóa Gutiérrez, dell’integrità e sicurezza delle autorità e dei comuneros di San Lorenzo Azqueltán, ed esigiamo che cessi il saccheggio di terre ai loro danni.

Ripudiamo gli atti di violenza suscitati il passato 3 settembre del presente anno nella comunità Ikoot di San Mateo del Mar, Oaxaca, dove dei pistoleros incaricati dal cacicco Jorge Leoncio Arroyo Rodríguez, hanno sparato contro la popolazione che aveva terminato di eleggere le autorità municipali attraverso i propri usi e costumi, attacco che ha lasciato feriti vari compagni.

Cordialmente

Il 9 settembre 2017

Per la Ricostituzione Integrale dei Nostri Popoli

Mai più un Messico senza di Noi

Congresso Nazionale Indigeno



Traduzione a cura dell’Associazione Ya Basta! Milano