mercoledì 28 gennaio 2009

La Giunta del Buongoverno de La Garrucha denuncia l’invasione del governo nella zona zapatista di Tonala

Chiapas - Una storia di sfruttamento del sito archeologico
Riportiamo il comunicato della Giunta di Buon Governo de La Garrucha

CARACOL DE RESISTENCIA HACIA UN NUEVO AMANECER
JUNTA DE BUEN GOBIERNO EL CAMINO DEL FUTURO
CHIAPAS, MEXICO. 22 DE ENERO DE 2009
A los compañeros y compañeras de la sexta internacional. A los compañeros y compañeras de la otra campaña nacional e internacional. A los compañeros y compañeras de los medios alternativos. A los Hermanos y hermanas de México y el Mundo. A los organismos de derechos humanos no gubernamentales.
HECHOS:
La Junta de Buen Gobierno denuncia a la opinión pública los abusos de los tres niveles del mal gobierno, federal, estatal y municipal.
Sobre los hechos que vienen sucediendo en el predio San Antonio Toniná y el Carmen Toniná, propiedad del compañero Alfonso, Cruz Espinosa y Benjamín Martínez Ruíz miembros de la organización zapatista del Municipio Autónomo Francisco Gómez perteneciente del caracol III de La Garrucha.
Es un problema con la zona arqueológica que está dentro de la propiedad del compañero Alfonso.

INVESTIGACIONES DE LA JUNTA DE BUEN GOBIERNO DEL DIA 16 DE ENERO DE 2009.
1.- el día 16 de enero de 2009. La Junta de Buen Gobierno vio personalmente que el Personal de seguridad no da paso, para pasar a visitar al rancho toniná, siendo propietario nuestro compañero Alfonso.
2.- También la Junta de Buen Gobierno, observó que existe un campamento dentro de la propiedad del compañero Alfonso. Mientras el compañero Alfonso Cruz Espinosa, tiene pagado los impuestos prediales de su rancho, tiene el recibos de los pagos de la historia traslativa de la propiedad de 2008 a 2009.
3.-También el plano de la ruina que elaboró el arqueólogo Juan Yadeum, este compañero Alfonso está pagando el impuesto.
4.- Desde hace muchos años, el gobierno federal y estatal, municipal, están aprovechando los cobros del turista nacional e internacional, que visitan la ruina. Y el propietario pagando sus impuesto.
5.-Es un abuso muy claro, lo que hace estos tres niveles de mal gobierno CALDERON, SABINES Y LEONEL SOLORZANO ARSIA que hasta un ciego puede entender.
6.- Estos tres niveles de mal gobierno aprovechando durante muchos años el cobro de los impuestos prediales y el cobro de las visitas de las ruinas, dentro de una pequeña propiedad.
7.-La Junta de Buen Gobierno declara que estos tres niveles del mal gobierno, CALDERON, SABINES Y LEONEL SOLORZANO ARSIA, estan invadiendo la pequeña propiedad de nuestro compañero base de apoyo zapatista.
8.-La Junta de buen gobierno exige a estos tres niveles de mal gobierno que retire el campamento que esta dentro de la propiedad del compañero Alfonso Cruz.
9.-La junta de buen gobierno exige al mal gobierno que pague el terreno que ocupa el basamento de la zona arqueológica tal como el propietario lo decida vender con el precio convenido.
10.- Si estos tres niveles de mal gobierno no aceptan pagar el terreno que ocupa el basamento de la zona arqueológica. La Junta de buen gobierno tomará la responsabilidad y la administración de la ruina haciendo valer el derecho como señale la ley, no queremos invasores dentro de la propiedad de un base de apoyo zapatista.
11.- También denunciamos que Juan Yadeum y la directora del Museo Julisa Camacho que renuncien de su cargo de la ruina toniná que ellos no están cuidando sino que es todo lo contrario provocando problemas sin respetar el dueño de la propiedad.
12.-Esto tres niveles de mal gobierno están presionando a este compañero obligándole a firmar un oficio el dia 14 de enero que para darle cumplimiento el oficio No. 401-3-112 de fecha 9 de enero esto es una falsificación estos son siempre las mañas de los malos gobiernos, calderón, sabines y leonel.
Nuestro compañero Alfonso declara que no a firmado ningún oficio con el mal gobierno.
Y no se le mandara ningún documento hasta que firma una compra venta del terreno que ocupa el basamento de la ruina y se fije el precio convenido.
Estamos bien claros que tenemos los pagos prediales y los pagos de los historia traslativa de la propiedad, así que se le quede bien claro esto malos gobernantes pagan o lo retomamos.
Atentamente Las Autoridades de la Junta de Buen Gobierno.
SEFERINO GUZMAN SANCHEZ PEDRO GUTIERREZ GUZMAN FLORITA LOPEZ PEREZ

lunedì 26 gennaio 2009

“El pueblo ha refundado Bolivia”

da RadioMundoReal
La constitución boliviana, aprobada este domingo con mas de 60% de los votos, implicará el fin del colonialismo y el neoliberalismo en el país.

Luego de la aprobación de la nueva constitución Bolivia, el presidente Evo Morales afirmó que a partir de ahora "aquí se acabó el pasado colonial, aquí se acabó el neoliberalismo, aquí se acabó el latifundismo. Mandaremos y gobernaremos como nos pide el pueblo boliviano, y el pueblo ha refundado Bolivia".
Precedida de tres años de intenso trabajo de una Asamblea Constituyente y por un proceso que concentró la oposición al proceso constituyente y al actual gobierno en las provincias del suroeste del país, este domingo se inauguró una nueva era política, a partir de la aprobación de la nueva constitución con el 60% del total de votos emitidos (aproximadamente 3.800.000).
El ’No’ a la nueva constitución ganó en los departamentos de Santa Cruz, Tarija, Beni y Pando, departamentos que también concentran la mayor producción de riqueza del país.Esta es la segunda victoria electoral del proceso que conduce Evo Morales desde que es presiente, ya que en 2008 debió enfrentar un referendum revocatorio, en el cual recibió el apoyo de más del 67% de la ciudadanía.
La nueva constitución implica grandes transformación en el país: instala mecanismos para garantizar mayoría indígena en todas las instituciones y órganos de poder público del país, incluyendo el concepto de autonomía indígena o de los pueblos originarios, a los que se reconoce el derecho, y casi la obligación, de ocupar una parte sustancial del poder.
La nueva constitución también limita la propiedad de la tierra a cinco mil hectáreas, lo que implica una medida inicial para enfrentar la concentración de la tierra (la figura del latifundio) una de las consignas centrales del proceso electoral que llevó al MAS (Movimiento al Socialismo) y a Evo Morales al poder en 2005.
En otros aspectos, la nueva constitución crea una segunda vuelta electoral, habilita la relección presidencial inmediata por una sola vez, declara a los servicios básicos (agua, luz, teléfonos, etc.) como derechos humanos, mientras que los recursos naturales renovables y no renovables son declarados de carácter estratégico.La nueva carta magna también prohíbe la instalación de bases militares extranjeras en Bolivia.

Tortura e guerra contro i mapuche nel Cile di Michelle Bachelet


Ad un anno dalla morte di Matías Catrileo, ammazzato dai carabinieri cileni il 3 gennaio 2008 e a 9 mesi dalla morte sotto tortura di Johnny Cariqueo, e con 32 prigionieri politici mapuche ancora nelle carceri cilene e oltre 50 casi di tortura documentati solo sotto il governo di Michelle Bachelet, l’impunità per i corpi dello Stato continua ad essere assoluta.
Lo stato democratico continua a combattere contro gli indigeni del Sud una guerra al terrorismo fuori tempo e fuori luogo e continua a considerare la necessità vitale di recuperare le terre ancestrali come un crimine contro la sicurezza dello Stato.“Recupero di terre ancestrali” è il crimine di tutti i 32 prigionieri politici mapuche nelle carceri cileni, condannati a pene detentive in molti casi sotto il capestro della legge anti-terrorismo in piena continuità con i tempi oscuri della dittatura di Augusto Pinochet.
Questa settimana è stato condannato a 5 anni di carcere per furto aggravato il dirigente mapuche Roberto Manquepi Vita. La sua colpa è stata aver recuperato erba dai pascoli comuni da sempre destinati ad usi civici dal suo popolo ma oggi occupato illegalmente da coloni privati. Altri per lo stesso “crimine”, sono stati più fortunati ed hanno evitato il carcere, ma hanno dovuto chiedere asilo politico sia in Argentina che in Svizzera.
Il tutto continua ad avvenire in un contesto mediatico manipolato dove i militanti mapuche, che disarmati vanno a far fieno per il bestiame al quale altrimenti non saprebbero cosa dar da mangiare, vengono definiti “terroristi” dai media senza mai mettere in dubbio le accuse contro questi.
E quando riescono a bucare il cono d’ombra dei media che li criminalizzano, come è il caso di Patricia Troncoso, che condusse uno sciopero della fame di 112 giorni un anno fa, immediatamente la luce si richiude. Oggi Patricia e i suoi compagni, per fortuna sopravvissuti, sono ancora in carcere e hanno ottenuto solo benefici minori. Con lei altri 31 mapuche sono detenuti nelle prigioni cilene e, nonostante siano accusati di crimini altrove considerati lievi, occupazione di terre, in qualche caso furto o incendio, la sistematica applicazione della legge anti-terrorismo causa l’applicazione di condanne gravi, quasi sempre superiori ai dieci anni di carcere.
Nonostante la società civile cilena sia silente, negli ultimi anni i mapuche riescono a beneficiare di avvocati prestigiosi, tra i quali l’ex-giudice Juan Guzman in grado di meglio difenderli anche se non sempre con buoni risultati.
Lunga continua ad essere la lista delle violazioni di diritti umani contro i mapuche contro i quali 20 anni di democrazia sembrano passati invano. Si va dal tredicenne Patricio Queipul Millanao, sequestrato e torturato dai carabinieri, a molteplici altri casi di minori detenuti in carceri per adulti, picchiati con multiple fratture, all’uso sistematico della tortura, di vessazioni e di violenza fisica in un’ancestrale lotta per la terra dove lo Stato ha da tempo, dal tempo di Manuel Montt a metà ‘800, scelto di stare da una parte contro un’altra.

NEWROZ 2009

Riportiamo l'appello della Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo per il prossimo Newroz - il capodanno kurdo-.






Care tutte e tutti,
venite con noi in Turchia e nel Kurdistan turco il prossimo mese di marzo.
Anche per l'anno 2009 come Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo stiamo organizzando un viaggio di solidarietà, costituito da tre percorsi, il cui filo rosso è il riconoscimento dei diritti umani universali in Turchia.
La prima tappa ci vedrà ad Istanbul, per partecipare al Forum alternativo sull'acqua che si terrà in concomitanza con il World Water Forum. Tema cardine del Forum alternativo sarà l'acqua come bene comune, patrimonio inalienabile dell’umanità; l’acqua come fonte di pace e di democrazia partecipata.
Con la seconda tappa, invece, si arriva nel Kurdistan turco per partecipare alle celebrazioni del Capodanno kurdo, il Newroz, grande festa di libertà e di pace.
Dal 1997 ad oggi la presenza di osservatori italiani ed internazionali ha contribuito ad attenuare la repressione e soprattuto a diffondere fra l'opinione pubblica internazionale le informazioni su violazioni e repressioni nei confronti del popolo kurdo.
Tuttavia, ad oggi, nessun diritto è ancora assicurato nel Kurdistan turco prova ne è che nel marzo del 2008 la violenza militare ha macchiato di sangue il Newroz, con 5 morti, centinaia di feriti e di arresti.
La terza tappa è costituita, infine, dalle Elezioni amministrative, un momento cruciale per il popolo kurdo e per la democrazia e la pace in Turchia, il cui svolgimento risente sempre di violazioni della libertà e del diritto al voto per il popolo kurdo.
Le delegazioni si recheranno a Diyarbakir, Van, Nusaybin, Hasankeyf, luoghi antichi e di straordinaria bellezza ma pervasi dal dolore e dall'ingiustizia. Incontreremo però anche frammenti di speranza e di straordinaria umanità, trovandoci a stretto contatto con associazioni e singoli individui che ogni volta arricchiscono l'esperienza.
Vi proponiamo di partire con noi e insieme costituire una forte delegazione di osservatori italiani ed internazionali in grado di far sentire le voci e la presenza dell'altra Europa, quella solidale e multiculturale, in un paese che avviatosi verso l'UE continua a non voler fare concreti passi in avanti nel campo dei diritti e delle libertà.



Per informazioni:
http://www.newrozpirozbe.it/
http://newroz2009.blogspot.com/
http://www.uikionlus.com/
http://it.mc267.mail.yahoo.com/mc/compose?to=uiki.onlus@fastwebnet.it
UIKI Onlus Tel. 06 97845557 Fax. 0697845547

domenica 25 gennaio 2009

DOMENICA 1 FEBBRAIO 2009 dalle 10:00 al calar del sole

Ya Basta! Napoli partecipa a "RAGNATELA"
mercatino @ casacuma

autoproduzioni, artigiani, artisti, ciclofficina popolare, gas, piccoli movimenti contadini, , forno del pane, musica, teatro scambi&regali,incontri...festa

per istruzione su come arrivare ed altro http://www.pazzariello.splinder.com/

questo giro durante il mercatino ospiti Gabriel&Marga del TeatroDeLosSentidos di Vargas

fino ad ora hanno partecipato:
STATOBRADO
VILLA CONOLA b&b MASSA LUBRENSE
GAS FLEGREO "TERRA di FUOCO"
GAS AVERSA "TAVOLA ROTONDA"
GAS SOMMA VESUVIANA "TINTADIROSSO"
BIOENNIO
AZ.AGRICOLA ANARCHICA MONTELLA GiovanniDiGenua e famiglia
ELIO&TIZIANA PERMACULTORI di Mondragone
Azienda Agricola Monte S'Angelo
PASQUALE FARINA ortaggi bio
Az. RAMODORO Bacoli
SAPONI NATURALI
CICLOFFICINA POPOLARE MASSIMO TROISI NAPOLI
MASSERIA DEGLI SCHIAVI ROCCAMONFINA
MICHELE BAIADOMIZIA/GARIGLIANO
FABIO BARDAMU' ARTISTA>ESPOSIZIONE
VALERIA DE RIENZO ARTISTA/ARTIGIANA
ANDREA ARTISTA/ESPOSIZIONE
ROBERTA ARTIGIANATO/ARTISTICO
ANTONIO DE FALCO LiberaScuolaAgricolturaSinergica
GIULIANO autoproduzioni
LO SCIAMANO esperto erbe spontanee
NO TAV Val di Susa
STUDIO ANCH'IO ITALIA/MAROCCO
FONDI RUSTICI
CASA DEGLI ALLOCCHI PUGLIA
COMUNE ANARCHICA DI URUPIA
MONITOR PERIODICO D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

CI SONO INOLTRE STATI CONCERTI RISPETTIVAMENTE DI:
SINETERRA_GATTI DISTRATTI DALLA LUCE NEGLI OCCHI_SMOKEY ANGLES SHADES_TAMURRIATE INTORNO AL FUOCO CON ME,BANANA_MAURA&TIZIANA

SPETTACOLI DI STRADA PER BAMBINI E BAMBINI GRANDI DI:
EL_BECHIN TREVISO
OTTO_PANZER BARI
GLEN GRANT

3 INSTALLAZIONI :
ALTARE DEI MORTI condotto da VALERIA DE RIENZO
QUADRITOS di BRUNELLA TEGAS
RAGNATELA/ACCHIAPPASOGNI condotto da VALERIA DE RIENZO

4 FORNI DEL PANE

1 ORTO SINERGICO ADOTTATO

sabato 24 gennaio 2009

3° dia - Le sfide del MST nel 2009



La giornata di oggi è stata caratterizzata dal dibattito sui punti di criticità del Movimento e sulle prospettive future di lavoro. Durante la mattinata, diversi esponenti del MST si sono alternati nel proporre all’assemblea degli spunti di riflessione per mettere in discussione alcune caratteristiche del modello attuale di lavoro, soprattutto in relazione al particolare momento storico di crisi, non solo economica, ma anche dei movimenti, che stiamo attraversando. Nel pomeriggio il dibattito è continuato attraverso gruppi di lavoro, mentre la delegazione degli internazionali è stata accompagnata in visita della Fazenda Anoni e delle comunità del MST che vi risiedono.
In serata è stato consegnato il Premio Lotta della Terra. Tra i premiati, anche una compagna delle comunità di Alcantara (MA), conosciuta da Ya Basta! durante la Carovana estiva. Per l’occasione sono stati proiettati alcune immagini del video “Eu sou feliz” realizzato da Alice Vivona una delle partecipanti al viaggio. Anche Ya Basta! e le altre realtá internazionali presenti all’Encontro hanno ricevuto un omaggio dal MST.
Tra le varie sfide che si trova ad affrontare il Movimento Sem Terra, nei vari settori di attuazione (organizzazione interna, dibattito politico, formazione della militanza, capacità di analisi,..), queste quelle più imminenti:



  • cercare di ampliare la prospettiva del progetto politico della Riforma Agraria per i lavoratori, attraverso un Progetto Popolare di Agricoltura, che porti con sè una nuova forma di relazionarsi con la terra, l’acqua e la biodiversità, all’interno della realtà capitalista;

  • ripensare la strategia della Riforma Agraria, al come collocarla nell’agenda politica e come farla arrivare più vicina alla società civile, attraverso anche l’unione dei movimenti urbani e rurali;

  • di fronte alla crisi dell’organizzazione popolare, bisogna guardarsi dentro, ed elaborare una strategia che combatta la burocratizzione dei movimenti e dello stesso MST;

  • avanzare nella trasformazione della società, nonostante siano poche le realtà organizzate con cui unirsi; per questo l’MST deve aiutare le altre realtà a costruire una propria “organicidade”, attraverso il lavoro di base;

  • progettare una prospettiva politica per affrontare il capitalismo e realizzarlo nella pratica, non solo nella teoria, nelle proprie comunità e nuclei, costruendo un dibattito politico con la militanza; formare la propria base, attraverso una metodologia di azioni politiche che tenga conto delle nuove sfide e della congiuntura attuale nazionale e internazionale;

  • rafforzare l’organicidade do Movimento, lavorando sui nuclei di base e organizzando la militanza; rafforzare l’unità interna, tenendo come punto di partenza la diversità;

  • combattere la depoliticizzazione all’interno del movimento e nella società;

  • discutere e elaborare strategie contro la discriminazione e criminalizzazione del Movimento.

2°dia - Multinazionali e Agrobusiness: il progetto del capitalismo per le campagne



Questa mattina il dibattito è stato incentrato sull’attuale modello mondiale di produzione agricola e sulle conseguenze e contraddizioni di questo modello. Gli interventi di analisi sono stati di Ariovaldo Umbelino, Professore di Geografia da USP, e di Joao Pedro Stedile, dirigente storico del Movimento Sem Terra.
Umbelino ha delineato le caratteristiche di questo momento storico, in cui il capitalismo vive in una fase di monopolizzazione caratterizzata, in primo luogo dal fatto che tutta la produzione agricola e di allevamento, così come la produzione legata alle risorse delle foreste, è diventata una merce; quindi si produce per vendere a chi ha disponibilità di capitale e gli stati hanno perso la loro capacità di sovranità alimentare, perchè non investono più sulla produzione di alimenti per il proprio popolo. In secondo luogo, in questa fase, tutta la produzione agricola è direzionata e controllata dal mercato, attraverso le borse mondiali che funzionano praticamente 24 ore su 24. Le Borse controllano non solo l’attuale produzione mondiale, ma anche quello che viene chiamato Mercato Futuro: vengono comprati in anticipo beni che ancora devono essere prodotti per poter garantirsi in anticipo il guadagno. I grandi monopoli legati all’Agrobusiness, come la Cargil, Monsanto, Bunge,... stanno sorgendo proprio per garantire ai grandi capitalisti il controllo dei mercati e della produzione. Anche le grandi imprese brasiliane sono in forte espansione e si stanno associando alle grandi imprese internazionali, come la Coca Cola, per garantirsi fette sempre più ampie di mercato. In pratica ci troviamo di fronte a un processo di alleanza e fusione del capitale in scala mondiale. Inoltre la maggiorparte di queste imprese lavora con sementi transgeniche e pesticidi tossici. Con la parola Agrobusiness, si indica proprio questo tipo di agricoltura, capitalista, che pretende di controllare tutto il processo produttivo e tutti i produttori, grandi e piccoli, al fine di creare grandi monopoli di terra al servizio del mercato internazionale. Siamo perciò di fronte allo scontro tra l’agricoltura capitalista, e il modello di Agrobusiness che impone, e l’agricoltura familiare e contadina, che invece propone un modello di agricoltura biologica, rivolta al fabbisogno interno degli stati. Questo scontro è palesemente visibile all’interno del territorio brasiliano.
L’analisi di Stedile ha avuto invece come punto di partenza la lotta del MST e la necessità di essere ogni giorno più preparati e pronti per affrontare questa nuova diversa fase di contrapposizione al capitalismo e al neoliberismo, dove la lotta per la terra assume una dimensione più globale, includendo anche la lotta per la difesa dell’acqua, dell’aria e della produzione alimentare. Dopo aver analizzato le nuove strategie di controllo dei mercati e della produzione da parte delle multinazionali, delle banche e delle Borse mondiali e sottolineato come sia instabile questo controllo, che dipende fondamentalmente dalle dinamiche del credito economico, Stedile ha delineato le nuove aree di espansione del capitale nell’agricoltura.
1-controllo delle sementi transgeniche, per monopolizzare e controllare cosa e come produrre;



2-acqua, che in questo momento costa più del petrolio o del latte: le multinazionali stanno comprando fiumi, fonti e laghi, per controllare il consumo pubblico;



3-controllo dei laboratori di ricerca;



4-agrocombustibili, che utilizzano gli alimenti per produrre energia;



5-cellulosa, per la produzione della carta.
Le conseguenze e le contraddizioni di questo sistema che vengono messe in risalto nell’intervento del dirigente del MST, sono fondamentalmente 8:



1-l’agrobusiness ha bisogno ogni anno, solo in Brasile, di un investimento da parte dello Stato di 60 milioni di reais (circa 20 milioni di euro), e dipende fortemente dal petrolio: una agricoltura che utilizza risorse esauribili, non sarà in grado di aumentare, in futuro, la sua produzione;



2-le monoculture distruggono la biodiversità, attraverso l’impoverimento delle terre e l’uso di veleni e pesticidi tossici; i prodotti di questa agricoltura sono avvelenati e già stanno creando grandi problemi di salute a chi li produce e li consuma, in tutto il mondo;



3-il prezzo dei prodotti agricoli non è più basato sui costi di produzione, ma sui prezzi decisi dal mercato mondiale, che decide tutte le fasi d produzione: questo sta provocando un aumento dei costi dei beni di consumo quotidiano e un conseguente aumento della fame nel mondo;



4-perdita della sovranità alimentare;



5-espulsione dei lavoratori dalle zone rurali: le monocoltivazioni, che vengono presentate come una prospettiva di impiego, non hanno bisogno di mano d’opera. L’agricoltura industriale infatti non ha bisogno di agricoltori;



6-il modello industriale di agricoltura disequilibra l’ambiente, il clima e distrugge la biodiversità attraverso le monocoltivazioni e l’utilizzo di sementi transgeniche e pesticidi tossici;



7-le imprese multinazionali controllano le sementi transgeniche che stanno modificando anche alcune specie animali: diversi studi stanno mostrando che numerosi insetti riescono a resistere ai pesticidi tossidi;



8-le imprese stanno comprando enormi terreni per impiantare il modello di Agrobusiness: negli ultimi 5 anni in Brasile sono stati privatizzati dal capitale straniero oltre 20milioni di ettari.
Secondo l’MST l’attuale crisi del sistema neoliberista, in Brasile potrebbe tornare favorevole ai movimenti e alla Riforma Agraria e frenare l’espansione delle multinazionali nelle aree rurali. Una nuova fase di lotta potrebbe quindi aprirsi nei prossimi mesi; ma questa lotta sarà possibile solo se il Movimento riuscirà a massificare la sua resistenza e riunire in questa resistenza non solo tutta la sua militanza, ma anche la società civile brasiliana e gli altri movimenti campesinos dell’America Latina.

MST: 1°dia XIII Encontro Nacional


Corpi Speciali di polizia presidiano la festa dei 25 anni del movimento.
E’ ufficialmente cominciato, con la cerimonia di apertura di ieri sera, molto sentita e partecipata, il XIII Encontro Nacional do MST, che festeggia, in questa occasione, 25 anni. L’incontro è organizzato nell’Assentamento Sarandi, situato all’interno della Fazenda Anoni – Stato del Rio Grande do Sul - che comprende un’area complessiva di 9.000 ettari dove risiedono circa 300 famiglie suddivise in quattro differenti insediamenti.
La strada di accesso è presidiata permanentemente da alcuni uomini e mezzi di un reparto speciale della Polizia Militare, il BOE (Battaglione di Operazioni Speciali), che fermano e identificano chiunque si stia recando all’incontro. Almeno una volta al giorno elicotteri della polizia sovrastano la zona per controllare la situazione: il MST qui, nel sud del paese, sta attraversando un periodo di forte repressione e criminalizzazione, cominciato a giugno dell’anno passato. Proprio per questo clima di tensione e per la congiuntura politica attuale, l’MST ha deciso di non aprire le porte, fino a sabato alla stampa nazionale e internazionale. Sono presenti solo i giornalisti che pubblicano sulle testate del Movimento (Jornal Sem Terra, Brasil de Fato, Radioagencia), una Tv cubana e una venezulana.
Vedi: Scontri e repressione nel Rio Grande do Sul ( 23 giugno 2008 )
All’incontro sono presenti circa 1.100 delegati dei 24 stati brasiliani dove è presente il movimento, membri del MPA (Movimento Pequenos Agricultores), del MAB (Movimento dos Atingdos por Barragens) e di altri movimenti campesinos, e oltre 50 ospiti internazionali, di realtà e movimenti dell’America Latina e europei, tra cui la delegazione di Ya Basta!, ospitata presso l’Istituto Educar, un centro di Formazione Superiore presente all’interno della Fazenda.
La prima giornata è stata dedicata all’analisi delle congiuntura internazionale e della lotta di classe in Brasile. Diversi esponenti del Movimento si sono alternati nella discussione. Il programma della 4 Giornate sarà molto intenso. Oltre alle attività ufficiali, una al mattino e una al pomeriggio, sono previsti nelle pause incontri tra le delegazioni internazionali, riunioni statali e di settore del Movimento (salute, educazione, comunicazione e cultura). E’ stata allestita una enorme cucina nei magazzini della cooperativa dell’insediamento e un panficio, dove lavorano volontariamente anche i giovani dell’Instituto Educar e dove vengono cucinati i prodotti biologici provenienti dale cooperative e dalle aree di riforma agraria del MST, una ciranda (asilo) e una scuola itinerante per i bambini presenti all’incontro, mentre la segreteria sta funzionando come punto di appoggio per il settore di comunicazione e di relazioni internazionali. Tutto è perfettamente organizzato e la previsione è di arrivare a venerdì con oltre 1700 ospiti.

giovedì 22 gennaio 2009

Bad religion


di Luca Casarini
Come era facile prevedere il rombo dei carri armati israeliani e il fragore delle cannonate sulle povere case di Gaza non potevano sovrapporsi agli inni e alle canzoni per l’insediamento di Obama alla Casa Bianca. Non era nei piani. La tregua "unilaterale" annunciata dallo Stato ebraico in realtà è frutto di un preciso calcolo, fatto con largo anticipo e almeno "bi-laterale". Tutto quello che c’era da fare a Gaza, con il suo carico di violenze e morti, bisognava farlo prima che l’amministrazione americana figlia del moto di ribellione interna contro Bush, potesse muovere il primo passo. Da lì, dal cumulo di macerie ottenute e forti della contabilità terribile delle uccisioni di massa inflitte, ora Tel Aviv tratterà con questo nuovo (e strano) successore di Lincoln. Come dire: prima che nuove strategie diplomatiche vengano messe in campo, in discontinuità magari con quelle della coppia di inossidabili sostenitori dei governi di Israele rappresentata da Condoleeza Rice e dal Texano di ferro, meglio sbrigare il lavoro sporco. Un "lavoro" che aveva precise ragioni per Israele, ovviamente diverse da quelle annunciate.Le elezioni interne ad esempio, con un primo ministro, Olmert, totalmente screditato agli occhi dell’opinione pubblica, lo spauracchio della sparizione dell’identità ebraica a fronte di un incremento demografico degli arabi nati tra il Giordano e il Mediterraneo che nel 2010 costituiranno la maggioranza, mettendo in seria crisi i fondamenti stessi della nascita di Israele, la negoziazione, a tutto campo quindi economico-politica con Obama, l’Unione Europea, la Russia e i giganti asiatici. Tutto fuorché i razzi di Hamas. Anzi. Israele, con la sua economia drogata di guerra, non potrebbe esistere senza il perenne stato di emergenza da "assedio". Le sue formazioni politiche costruiscono su questo le loro strategie per catturare il consenso alle elezioni, e le sue lobbies mafioso - affaristiche misurano la possibilità di accumulare enormi profitti proprio sui flussi di denaro che giungono da oltreatlantico. Senza questo ruolo di "assediato" in nome della difesa dei “valori occidentali”, che tipo di peso potrebbe avere Israele nella nuova Yalta dell’era della crisi globale? Inserito perfettamente nelle orribili movenze della guerra globale permanente, lo stato ebraico non vuole rinunciare per nulla ad un ruolo che in questo contesto gli assegna la palma del “simbolo”. Il modo stesso di condurla, la guerra, è espressione di continua anticipazione delle tecniche, militari e politiche, di gestione della asimmetria bellica che caratterizza il permanente disequilibrio mondiale. Israele non ha nessun interesse a trovare una qualche pace. Deve riprodurre un nemico annientabile, sempre, governandolo per mezzo di guerra a differente intensità. Quindi i palestinesi per Israele non sono un problema da risolvere. Ma solo da mantenere, alimentare, sempre in maniera che non possano mai rappresentare una reale minaccia.Dall’altro lato vi sono proprio i palestinesi. Questo ennesimo massacro suggella nel sangue ciò che già dalla morte di Arafat, o forse dalla fine della seconda intifada, si era in grado di ipotizzare: la “causa palestinese”, come processo di liberazione nazionale, e come dinamica identitaria e di ideale assunta dalla formazione dell’OLP in poi, non esiste più. Hamas da una parte e Abu Mazen dall’altra sono il segno evidente che oggi ci troviamo in un’altra dimensione, frutto di una serie di traiettorie di degenerazione che si sono concluse. La corruzione del quadro dirigente palestinese con Al Fatah in testa, la mancanza di una leadership in grado di affermarsi al di là e contro gli interessi dei clan e dei servitori di altri stati, ha portato ad una situazione che per la popolazione civile è semplicemente terribile. Hamas, che dal ’67 ad almeno fino alla prima Intifada è stata "foraggiata" da Israele in chiave anti-OLP, pensa più a guadagnarsi un ruolo tra Teheran e Damasco che alla sorte dei quasi due milioni di "profughi incarcerati" che compongono gli abitanti di Gaza. Le loro sorti, il loro futuro, le loro sofferenze sono tutti regali ad Allah. E forse tributi necessari perché qualche religioso leader trovi la sua fortuna terrena. Anche Hamas, come Israele, non ha alcun interesse a fermare la spirale di guerra. I consensi avuti grazie alla corruzione di Fatah, si possono mantenere in virtù di costruzione di servizi, welfare, strutture. Presi nella morsa dell’embargo da oltre venti mesi, i dirigenti di Hamas possono proporre solo razzi, e non medicine. Quindi lo stato di devastazione e annientamento, il terrore quasi trascendentale che si respira in ogni angolo della striscia, è la condizione per mantenere il potere ben saldo, e attrarre i finanziamenti dell’Iran.Abu Mazen la sua strada sembra averla scelta da tempo. E’ quella tracciata da altri, dagli Stati Uniti in primis, e porta in un bantustan. E’ stata fino ad ora semplicemente un cerchio chiuso, una specie di rotaia dove un burattino, messo lì per rappresentare il compimento della strategia diplomatica di Washington, gira e ogni tanto appare. Se Annapolis viene definita una “carnevalata” da autorevoli commentatori, Abu Mazen è una delle maschere più ridicole. Cisgiordania e Gaza sono, dopo questo massacro, due cose non solo più lontane che mai, ma anche assolutamente diverse.Che cosa rimane? La guerra contro i civili, l’uso del massacro di donne, uomini e bimbi per la negoziazione politico economica, interna ed esterna. Rimangono il dolore, la disperazione, la rabbia, e noi qui, mentre assistiamo ad un processo di mutazione antropologica che trasforma lo spettatore da indignato ad assuefatto. Trasforma il crimine in spettacolo. "This is the world, Baby".C’è poco da dire: religione unita a nazionalismi significano fascismo. Portano al delirio e al fanatismo che combattiamo da sempre. Contribuiscono, da sempre, a mantenere lo stato di cose presenti e a riprodurlo in peggio se possibile. Da fenomeni e tradizioni diventano rapidamente tragedie. Se volessimo parafrasare un grande vecchio diremmo che da “oppio dei popoli” oggi la religione è divenuta già eroina, è stata raffinata, ha reso più potente il suo effetto, è disponibile su scala industriale. Ma essendo in polvere, appesta l’aria.E’ la guerra globale il nostro obiettivo. Dobbiamo distruggerla, smentirla, disvelarla in ogni forma che essa assume. Con “rabbia degna” cerchiamo di non cadere in assurde semplificazioni, cerchiamo di non giustificare tutto dicendo che si tratta di “diversità culturali”. Cerchiamo di vedere le cose per quelle che sono, per come sono oggi. Gli occhi dei bambini terrorizzati e massacrati a Gaza, quelli, ci dicono di più di mille discorsi di Imam e rabbini, di mille parole vuote pronunciate dagli esperti.Boicottare Disinvestire e Sanzionare la guerra globale permanente e i suoi attori principali, Israele nel caso del massacro criminale di Gaza, non è un dogma come dice su questo sito Naomi Klein: è una pratica giusta, una tattica da costruire ed espandere, una reale forma di azione molteplice ed articolata per fermare e attaccare la guerra stessa. Il BDS su Israele, come il boicottaggio del Sud Africa dell’apartheid ma anche quello relativo all’implicazione di aziende e banche italiane con la guerra globale, è possibile, giusto e può avere una certa efficacia. Sicuramente ci pone difronte ad una possibilità: quella di non giocare uno dei ruoli assegnatici dalle forme di potere: spettatori impotenti, tifosi dei morti altrui, alchimisti d’accatto di ideologie e religioni. Il BDS lo facciamo noi, in prima persona. Ha mille forme e si dirige direttamente contro chi fa le stragi di civili innocenti e alimenta questo modo terribile di governare il mondo. E’ direttamente legato alle pratiche, giuste anch’esse, di rottura delle frontiere e degli isolamenti militari che, come a Gaza, imprigionano i civili costringendoli a morire lentamente. Come quando a Ramallh assediata occupammo gli ospedali, oggi a Gaza bombardata se centinaia o migliaia di persone avessero aperto Rafah con una presenza internazionale, sarebbe stato giusto. E se i prodotti “made in Israel”, quelli che hanno il codice a barre che inizia con la cifra 729 sono boicottati, non acquistati, resi inservibili, è giusto, e possibile.Se le aziende che investono in Israele sono “convinte” a non farlo più, è giusto. (Naomi racconta di come questo accada facilmente, e non per motivi politici ma semplicemente commerciali).Questo dobbiamo fare. Per una società migliore per i bambini di Gaza, per tutti.

I morti e i vivi di Gaza

di Vittorio Arrigoni

A Gaza solo i morti hanno visto la fine della guerra. Per i vivi non c’è tregua che tenga alla battaglia quotidiana per la sopravvivenza. 

Senza più acqua, senza più gas, senza più corrente elettrica, senza più pane e latte per nutrire i propri figli.Migliaia di persone hanno perduto la casa. 

Dai valichi entrano aiuti umanitari col contagocce, e si ha come la sensazione che la benevolenza dei complici di chi ha ucciso sia solo momentanea. Domani il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon verrà a visitare Gaza, siamo certi che John Ging, a capo dell’agenzia per i profughi palestinesi, ne avrà da raccontargliene; dopo che Israele ha bombardato due scuole delle Nazioni Unite, ha assassinato 4 suoi dipendenti, ha colpito e distrutto il centro dell’UNRWA di Gaza city, riducendo in cenere tonnellate di medicinali e beni alimentari destinati alla popolazione civile. 

Le macerie di Gaza continuano a vomitare morti in superficie. Ieri fra Jabalia, Tal el Hawa a Gaza City e Zaitun, paramedici della mezza luna rossa con l’aiuto di alcuni volontari dell’ISM hanno estratto dalla rovine 95 cadaveri, molti dei quali in avanzato stato di decomposizione. 

Camminando per le strade della città di Gaza senza più il costante terrore di un bombardamento chirurgicamente mirato alla mia decapitazione, tremo ancora alla vista di cani randagi raccolti in circolo, a ciò che mi si potrebbe parare dinnanzi agli occhi essere il loro pasto. 

Gli uomini tirano un sospiro di sollievo e tornano a frequentare moschee e cafè, facilmente smascherabile è il loro atteggiarsi alla normalità, per i molti che hanno perso un familiare e per i moltissimi che non hanno più dove abitare. 

Fingono un ritorno alla routine per incoraggiare le mogli e i figli: in qualche modo bisogna oltrepassare anche a questa catastrofe. 

Con alcune ambulanze questa mattina ci siamo recati nei quartieri più colpiti della città, Tal el Hawa e Zaitun, muniti di questionario porta a porta abbiamo stilato l’entità dei danni agli edifici, e le primissime urgenze per le famiglie: medicinali per gli anziani e i malati, e riso, olio e farina, il minimo per alimentarsi. Tutto quello che abbiamo potuto consegnare al momento sono metri e metri di nylon, da apporre alle finestre laddove prima c’erano i vetri a difendere dal freddo. 

Compagni dell’ISM a Rafah mi hanno informato che la municipilità ha distribuito alcune migliaia di dollari, poca cosa, a quelle famiglie che hanno visto la loro casa rasa al suolo da bombe che secondo Israele erano destinate alla distruzione dei tunnel. 

Al termine del conflitto in Libano, gli Hezbollah staccarono milioni di dollari in assegni per ripagare i civili libanesi rimasti senzatetto. 

In una Gaza sotto assedio ed embargo, ciò che Hamas potrà versare come risarcimento alla popolazione "basterà a mala pena a rimettere su un capanno per il bestiame", mi fa sapere Khaled, contandino di Rafah. 

La tregua è unilaterale, quindi Israele unilateralmente decide di non rispettarla. Ieri a Khan Yunis, un ragazzo palestinese ucciso e un altro ferito. 
A est di Gaza city elicotteri innaffiavano di bombe al fosforo bianco un quartiere residenziale. Stessa cosa si è verificata a Jabalia. 

Oggi, sempre a Khann Younis navi da guerra hanno cannoneggiato su uno spazio aperto, fortunatamente senza fare feriti e mentre scrivo, arriva la notizia di un incursione di carri armati. Non ci risultano lanci di razzi palestinesi nelle ultime 24 ore. 

Giornalisti internazionali sciamano affamati di notizie lungo tutta la Striscia, sono riusciti a raggiungerci solo oggi. Israele ha concesso loro il lasciapassare a mattanza finita. 

Quelli arrivati ancora a bombardamenti in corso, hanno seriamente rischiato di rimetterci la pelle, come mi ha raccontato Lorenzo Cremonesi, inviato del Corriere: soldati israeliani hanno bersagliato di proiettili l’automobile su cui viaggiava. 

Dinnanzi allo scheletro annerito di ciò che resta dell’ospedale Al Quds di Gaza city, un interdetto reporter della BBC mi ha chiesto come è stato possibile per l’esercito scambiare l’edificio per un covo di terroristi. "Per lo stesso motivo per cui dei bambini in fuga da un palazzo in fiamme, sono entrati nei mirini dei cecchini posti sui tetti dello stesso quartiere in cui siamo ora, cecchini che non hanno esitato a ucciderli spandendo la loro materia cerebrale sull'asfalto". Ho risposto al giornalista inglese, ancora più accigliato. 

E’ evidente l’abisso fra noi che siamo testimoni e vittime di questo massacro, e chi ne viene a conoscenza tramite i racconti dei sopravvissuti. 

Da Roma mi informano che l’Unione Europea avrebbe congelato i fondi per la riscostruzione fino a quando Gaza sarà governata da Hamas. Lo ha lasciato intendere il Commissario europeo per le Relazioni estere, Benita Ferrero-Waldner. "Gli aiuti per la ricostruzione della Striscia", ha detto la diplomatica europea, "potranno arrivare solo se il presidente palestinese Abu Mazen riuscirà ad imporre nuovamente la sua autorità sul territorio" . 

Per i palestinesi di Gaza questo è un chiaro invito dall'esterno alla guerra civile, ad un colpo di stato. Come un legittimare il massacro di 410 bambini che sono morti perchè i loro genitori hanno scelto la democrazia ed eletto liberamente Hamas. "L’unione Europea ricalca alla perfezione la criminale politica di punizione collettiva imposta da Israele. Perchè non affidano i fondi all’ONU? O a qualche organizzazione governativa?" ."Gli Stati Uniti sono liberi di eleggere un guerrafondaio come Bush, Israele di scegliere leaders con le mani sporche di sangue come Sharon e Nettanyau, e noi popolazione di Gaza non siamo liberi di scegliere Hamas...", mi suggerisce Mohamed, attivista per i diritti umani che non ha votato per il movimento islamico; non ho argomenti per contraddirlo. 

I palestinesi vivi imparano dai morti, imparano a vivere morendo, sin dalla più tenera età. Tregua dopo tregua, la percezione è quella di una macabra parentesi per contare i cadaveri fra una mattanza e l’altra, verso una pace che non è mai così stata distante. 

Perlustrando Gaza city a bordo di un ambulanza, per una volta con la sirena muta, la guerra resta presente impressa nelle rovine di una città saccheggiata di sorrisi e popolata da sguardi spauriti, occhi che insistono a scrutare il cielo verso aerei ancora incessantemente in volo. 

All'interno di una casa che coi paramedici abbiamo visitato, sul pavimento ho notato dei disegni in pastello, chiaramente una mano infantile li aveva abbandonati evacuando in fretta e furia. 

Ne ho raccolto uno, carrarmati, elicotteri e corpi ridotti in pezzi. In mezzo al foglio un bambino ritratto con una pietra riusciva a raggiungere l’altezza del sole e danneggiare una delle macchine della morte volanti. Si dice che il significato del sole in un disegno infantile è il desiderio di essere, di apparire. Quel sole che ho visto piangeva in pastello rosso, lacrime di sangue. Per lenire questi traumi, una tregua unilaterale basta? Restiamo umani.
ViK

Comunicato della Conaie di valutazione della mobilitazione nazionale




Il 20 gennaio è stata una grande giornata di mobilitazione in tutto il paese
Quito, 21 de Enero del 2009
Comunicado 4
Una giornata con grande esito per i Diritti Indigeni e di tutti gli Ecuadoriani.
Il Consiglio di Governo della CONAIE, valuta come positiva la Giornata di Mobilitazione nel paese.
Nonostante la repressione e il controllo poliziesco, migliaia di indigeni si sono mobilitati e hanno manifestato pacificamente nelle principali città del paese consegnando ai governatori locali le loro rivendicazioni. A Imbabura, Pichincha, Latacunga, Ambato, Guaranda, Pastaza e Macas, le mobilitazioni hanno avuto una grande partecpazione.
Constatiamo ancora una volta la grande offensiva dei mezzi di propaganda del governo. La propaganda in televisione a favore della Legge Mineraria e delle politiche neoliberali è stata molto ampia durante questi giorni per manipolare la cittadinanza e creare confusione. La mobilitazione è stata pacifica nella sua interezza. Abbiamo dimostrato la naturalezza democratica del nostro movimento e delle organizzazioni di base, gli scontri sono stati responsabilità della forza pubblica.
Le mobilitazioni della zona Sud del Paese della scorsa settimana e quelle di questi giorni dimostrano che c’è un opposizione nazionale ampia alle miniere a grande scala e alle politiche e decisioni di carattere neoliberale di questo governo. La "rivoluzione cittadina" deve decidere se è uno spazio di diritti per le transnazionali o per i popoli.
Abbiamo ricevuto innumerevoli espressioni di sostegno e adesione della comunità internazionale, delle organizzazioni dei diritti umani, sociali e abbiamo gestito le informazioni nel mondo in tre lingue.
Vogliamo preparaci a portare avanti una serie di iniziative nel quadro degli strumenti dei diritti umani e legali a livello nazionale e internazionale. Le renderemo pubbliche al momento opportuno. I Relatori dell’ONU e OEA sui Diritti Indigeni sono stati informati e riceveranno una nota integrale sul tema.
C’è una posizione razzista nei portavoce del Governo: i Ministri Larrea e Bustamante ne fanno apologia. Questo ci preoccupa e allertiamo gli ecuadoregni sulle persone che il partito al potere vuole inviare all’Assemblea Nazionale Legislativa.
Rifiutiamo le detenzioni arbitrarie e illegali realizzate dalla Polizia Nazionale per ordine esplicito del Ministro del Governo; esigiamo la libertà immediata dei fermati.

mercoledì 21 gennaio 2009

Un progetto online per non voltare lo sguardo


VISUAL INTIFADA

Durante l’Operazione Piombo fuso di Israele nella Striscia di Gaza è stato lanciato questo progetto on line. Pubblichiamo la presentazione di Visual Intifada e alcuni contributi.
Visual Intifada è un progetto che nasce in velocità a cavallo tra la rapida ennesima invasione di campo da parte di Israele e del suo esercito in territorio palestinese e il silenzio diffuso e devastante che ha imperato in queste ultime settimane. Nel frattempo, in Palestina, continuano a piovere bombe, in verticale, che uccidono vite umane e distruggono strutture e infrastrutture sociali spacciando, tra riflessi di distrazione di massa e arroganza sconfinante, le centinaia di morti come “legittima difesa”. La stessa “legittima difesa” che l’O.N.U., campione mondiale di “equidistantismo” e ipocrisia, impotente oggi in Palestina come ieri in Iraq, in più di una occasione ha bollato come stragista. Si chiamano azioni di guerra. Guerra.Sappiamo che una lettera apostrofata è differente di una lettera accentata: mettiamo i puntini dove necessario chiamando le cose con il loro nome.

Ricordiamo inoltre che i fondi raccolti dalla vendita dei materiali donati a Visual Intifada verranno interamente destinati ai The Union of Palestinian Medical Relief Committees, realtà di base operante in campo medico, fondata nel 1979 da un gruppo di medici e assistenti per sopperire alle inadeguate strutture mediche palestinese a causa della decennale occupazione militare israeliana. Si tratta di una delle più grandi ONG presenti in Palestina. Opera prettamente in campo medico e scolastico.

I 20 motivi che hanno permesso al FMLN di vincere l'elezioni amministrative


El Salvador - Il 18 gennaio e 19 marzo si è votato per le elezioni amministrative riportiamo un articolo tratto da ’Nicaragua y mas’ precedente all'esito elettorale.

Tra pochi giorni si voterà in Salvador per eleggere deputati e sindaci, mentre a metà marzo sarà il turno delle elezioni presidenziali. Mai come in questa occasione il Frente Farabundo Martí para la Liberación Nacional, Fmln, appare in netto vantaggio sul partito di estrema destra Alianza Republicana Nacionalista, Arena, che governa da oltre 14 anni.
Secondo gli ultimi sondaggi, il Fmln con il suo candidato alla Presidenza, il giornalista Mauricio Funes, manterrebbe un vantaggio di circa 17 punti percentuali sul suo avversario, Rodrigo Ávila, di Arena. La stessa Universidad Centroamericana (UCA), entità dei gesuiti non certo abituata a divulgare sondaggi senza averne prima confermata l’attendibilità, ha fatto sapere che il candidato della sinistra salvadoregna avrebbe un vantaggio non inferiore ai 16 punti. Una vittoria del Fmln sarebbe storica non solo per il paese, ma per l’intera regione centroamericana, dato che attualmente il Salvador è l’ultima roccaforte che rimane agli Stati Uniti nella regione. Se si prende inoltre in considerazione che questo paese potrebbe diventare ben presto il settimo ad entrare a far parte dell’ALBA, insieme a Venezuela, Cuba, Nicaragua, Bolivia, Honduras e Dominica, si capisce come queste elezioni stiano attirando l’attenzione dell’intero continente americano e creino una forte preoccupazione all’amministrazione Bush.Anche nelle elezioni municipali ed in quelle per deputati, il Fmln mantiene un vantaggio del 11,7 e del 14 per cento rispettivamente (ampia informazione su www.raices.com.sv ).
Su questi temi Paul Fortis ha "spiegato" perché si deve votare per il Fmln.
1. Per amore alla mia patria andrò a votare per la prima volta in vita mia. Le altre volte non l’ho fatto perché non serviva a niente o perché ero assente. Questa volta, però, voterò e lo farò per il FRENTE, perché il Frente è la mia Gente.
2. Per arrivare a tutto ciò ho dovuto lavorare con costanza ed applicazione; per arrivare a questa decisione ho dovuto contribuire a creare le possibilità obiettive del popolo e quindi, non servire solo come oggetto, ma come soggetto determinante.
3. Il futuro della nostra patria e della nostra cittadinanza e soprattutto, della nostra infanzia e dei giovani, è in gioco e quindi il mio voto conta.
4. Rimanere nell’opacità ostracista senza esercitare il mio diritto ed il mio obbligo di votare mi convertirebbe in un "lumpen" e so di non esserlo.
5. voterò per la candidata del Fmln (Violeta) nella capitale perché vuol dire trasparenza e futuro. Un anno di lavoro tra amministrazione comunale e nuovo governo vuol dire avere ciò che abbiamo sempre desiderato: una città pulita, ordinata e partecipativa.
6. Voterò per Violeta perché è la speranza di lottare per la salute, l’istruzione e l’ambiente della capitale.
7. Voterò per Violeta per la sua onestà e la sua capacità amministrativa.
8. Voterò per il Fmln perché quasi tutti i nostri candidati a deputato sono membri della Direzione del Fmln e che saggiamente hanno saputo guidare il partito del popolo verso i livelli in cui si trova oggi.
9. Voterò per il Fmln perché conosco da vicino i candidati e so che non tradiranno mai gli interessi del popolo e della società salvadoregna.
10. Voterò per il gruppo parlamentare del Fmln perché so che non verranno meno alla lotta che porto avanti contro lo sfruttamento delle miniere ed a favore dell’infanzia, della gioventù e della terza età.
11. Voterò per i candidati del Fmln perché so che con loro il nostro paese starà meglio grazie al programma di governo che è stato creato.
12. Voterò per i miei compagni e compagne perché rappresentano la nostra Chiesa storica ed hanno dimostrato rispetto.
13. Voterò per il Fmln perché rappresenta e difende gli interessi della maggioranza dei cittadini e perché stanno invitando la minoranza ad unirsi per lavorare insieme a favore degli interessi della popolazione.
14. Voterò per il Fmln perché è il partito che, ancor prima di arrivare al potere, per mezzo del suo candidato Mauricio Funes, ha stabilito relazioni con la maggior parte dei paesi del mondo.
15. Voterò per il Fmln perché è il partito che ha condotto una campagna elettorale pulita, senza offendere nessuno, dando un esempio di rispetto alla popolazione, di maturità ideologica e di capacità politica come dirigente.
16. Voterò per il Fmln perché è l’unico partito capace di portare la nostra società ad uno stato di diritto, in cui tutti possono far sentire la propria voce quando si prendono decisioni d’interesse nazionale.
17. Perché è l’unico partito capace di tirarci fuori dalla drammatica situazione in cui ci troviamo, riconoscendo il valore del lavoro dei contadini, dei piccoli e medi produttori e dei lavoratori e lavoratrici di tutti i settori.
18. Perché è l’unico partito capace di ristabilire la credibilità dell’esercito e dei corpi di sicurezza della nazione.
19. Perché è la forza politica più importante a livello internazionale e perché non ha nemmeno uno dei suoi militanti processati per crimini a livello nazionale od internazionale.
20. Perché è l’unico partito capace di condurre la nostra nazione verso la pace e la giustizia sociale, con un’economia di sviluppo sostenibile e una democrazia partecipativa.
Per questo voterò Fmln. Dimmi quali sono le tue ragioni? Alzati, vai a votare, esercita i tuoi diritti di cittadino. Nessuno è degno di avere una patria migliore se non lotta per essa.

MST 25 anni dopo

Editorial Jornal Sem Terra
Venticinque anni dopo la fondazione del nostro Movimento, abbiamo deciso di incontrarci per commemorare un quarto di secolo di lotte e conquiste. E abbiamo fissato questo incontro proprio nella Fazenda Anoni. Qui, due periodi storici di crescita della lotta di massa si incontrano. Qui convergono i simboli e la storia del movimento contadino in Brasile. Torniamo per bere dalla fonte, come dicono gli antichi. Abbiamo fissato questo incontro con l’ereditá del movimento contadino, ma anche con la nostra storia. Per celebrarlo, ma anche per ricordare i compagni e le compagne che non hanno potuto seguire questo cammino fin qui con noi. Roseli Nunes, simbolo della marcia degli accampati di Anoni; Teixerinha, Fusquinha e Doutor; i maritri di Eldorado dos Carajas e di Felisburgo; Antonio Tavares e centinaia di lavoratori Sem Terra, uccisi dalla violenza del latifondo. Se fossero con noi, sarebbero orgogliosi sapendo che il nostro Movimento non solo é sopravvissuto a questi 25 anni - un fatto inedito per un movimento contadino in Brasile - ma abbiamo diffuso una nuova concezione di Riforma Agraria. Molto piú ampia della sola democratizzazione dell’accesso alla terra e dell’estinzione del latifondo. La nostra lotta ha costruito nella pratica la democratizzazione dell’accesso all’educazione, alla salute, alla comunicazione e la vera e propria messa in pratica della democrazia. Il Movimento Sem Terra che abbiamo costruito, è responsabile dell’insediamento di 370mila famiglie in tutto il Paese. Ma è anche autore di molte realizzazioni, come 2mila scuole pubbliche nelle zone rurali - che garantiscono l’accesso all’educazione a oltre 160mila bambini e adolescenti Sem Terra, e che alfabetizzarono 50mila giovani e adulti negli ultimi anni - o come gli oltre 100 corsi di formazione superiore realizzati in tutto il Brasile in collaborazione con le Università. Ma probabilmente, il nostro principale contributo per la società brasiliana è stato quello di mantenere l’impegno preso di produrre alimenti per il popolo brasiliano. Questo è stato possibile grazie all’organizzazione di oltre 400 associazioni e cooperative che lavorano in modo collettivo per produrre alimenti non transgenici e senza l’uso di pesticidi tossici, e grazie alla creazione di 96 agroindustrie che migliorano il reddito e le condizioni di lavoro nelle aree rurali, e che offrono alimenti di qualità a basso prezzo nelle città. Così, abbiamo un incontro marcato con la Storia, ma non solo con ciò che già abbiamo realizzato. Che questo Incontro ci incentivi. E che possiamo, uniti ai lavoratori urbani, sfruttando le contraddizioni sociali dell’attuale crisi economica e intorno alle misure strutturali necessarie per il nostro Paese, iniziare un nuovo e vigoroso ciclo di lotte di massa.
Direzione Nazionale del MST

Palestinesi

Ricordiamo a tutt@ gli appuntamenti del 21 gennaio 2009 .
Alle 17 all'aula Matteo Ripa di Palazzo Giusso:
Palestinesi:l'occupazione nella vita quotidiana
Dalle 21 a Palazzo Corigliano cena di finanziamento.




martedì 20 gennaio 2009

Cronaca della Mobilitazione indigena in Ecuador

Una giornata di mobilitazione per le risorse e i beni comuni
20 gennaio 2009
Giornata di mobilitazione nazionale promossa dalla Conaie
La protesta di Imbabura con il racconto della repressione - Vai al comunicato
La Conaie denuncia la repressione della mobilitazione - Vai al comunicato
La mobilitazione indigena in Amazzonia - Vai all’articolo
La Conai decide di allargare la protesta dopo la notizia dei fermi - Vai all’articolo
Arriva la notizia dei primi arresti - Vai all’articolo
La Conai decide di allargare la protesta dopo la notizia dei fermi - Vai all’articolo
Arriva la notizia dei primi arresti - Vai all’articolo
Il presidente Correa parla da Guayaquil dove non ci saranno mobilitazioni contro la Legge Mineraria - Vai all’articolo
Blocchi stradale a Imbabura e Pichincha - Vai all’articolo
Indigeni bloccano la strada a Azuay e Cañar - Vai all’articolo
Crescono le mobilitazioni sociali nel centro del paese - Vai all’articolo
Il movimento indigeno avverte che la "destra" cerca di approfittare della mobilitazione - Vai all’articolo
La Conaie blocca la panamericana nord zona Cayambe - Vai all’articolo
Gli indigeni annunciano per oggi la chiusura delle strade a Azuay, Loja e Morona Santiago - Vai all’articolo
Gli indigeni bloccano le strade del Nord e Sud andino -Vai all’articolo

Palestinesi:l'occupazione nella vita quotidiana


Adnan Ateyah Salem Ramadan

sociologo ed esperto in risoluzione e trasformazione dei conflitti, è da tempo impegnato nella difesa dei diritti umani e della causa palestinese in diverse iniziative non violente. Attualmente direttore esecutivo di OPGAI (Occupied Palestinian and Golan Hights Advocacy Initiative), una coalizioni di 14 associazioni della società civile, e membro dell'AIC (Alternative Information Center)


lunedì 19 gennaio 2009

Continuano le provocazioni contro gli zapatisti

Articolo di HERMANN BELLINGHAUSEN su La Jornada



Appoggiati da uffici del governo “montano” provocazioni e false denunce.

Priisti chiapanechi attizzano il conflitto contro i simpatizzanti dell’EZLN.

Non rispettano gli accordi firmati con gli zapatisti


Municipio autonomo Comandanta Ramona, Chis. - Il luogo dove, proveniente dal fiume Agua Azul, Agua Clara dà il nome ai dintorni e ad uno stabilimento balneare che normalmente era abbandonato, alcuni mesi fa era stato occupato dagli zapatisti della comunità dando avvio ad un'esperienza turistica semplice ed innovativa. "Occupato" è un modo di dire. Tutte queste terre erano state recuperate dopo l'insurrezione armata dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN).
Lo stabilimento balneare e le terre circostanti erano di proprietà di un certo Coutiño, di Tuxtla Gutiérrez. Zapatisti ed indigeni di altre organizzazioni "recuperarono" la proprietà e la terra bastava per tutti. Erano contadini, non guide turistiche, cosicché lo stabilimento balneare rimase semi-abbandonato.
Ma non è un posto qualsiasi. È uno dei più bei luoghi nel bacino degli spettacolari fiumi Tulijá, Aga Azul e Bascán che scendono nella selva e sono loro stessi selvaggi. Agua Clara è di quegli alvei azzurro-smeraldo con tronchi sommersi che sembrano incrostazioni d'ambra, soprattutto in inverno.
I turisti hanno continuato ad arrivare. Nel sessennio foxista, la Commissione per lo Sviluppo dei Popoli Indigeni (CDI), spinse la costruzione di una pensione con alcune stanze ed aggiustò strade e palapas, anche se le rive sono rimaste naturali ed intatte. Se ad Agua Azul questi investimenti così come nel lontano hotel Las Guacamayas dei Montes Azules, qui no.
Gestito da gruppi filogovernativi di Santa Clara, noti come priisti dell'Organizzazione Per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic), il progetto cadde nell'abbandono e le strutture del CDI morirono.
Nel 2008 le basi zapatiste decisero di pulire lo stabilimento balneare e ristrutturarlo e, con l'accordo dei commissari della parte ejidale di Agua Clara (i priisti), rimase a carico della giunta di buon governo (JBG) di Morelia. Oggi, consigliati dal Partito Rivoluzionario Istituzionale dello stato, i primi hanno disonorato l'accordo, assumendo atteggiamenti ostili, montando provocazioni e false denunce con l'appoggio degli uffici stampa governativi e dei media filogovernativi.
In possesso di La Jornada c'è una copia dei verbali firmati da priisti e zapatisti il passato 14 ottobre nell’ejido Santa Clara, municipio Salto de Agua: "Le autorità della JBG, consigli municipali e le autorità di questo ejido riunite nella scuola primaria per redigere un verbale di accordo con gli ejidatari e consiglieri del municipio Comandanta Ramona per il fatto che nell'ejido sopraccitato si trova una struttura ecoturistica".
Il documento, con firme e timbri in calce dei rappresentanti ejidali ed autonomi, dice: "Entrambe le autorità manifestano concordi che quell'area sarà controllata con la JBG. Si concorda inoltre che questo avverrà conformemente alle indicazioni della Legge Rivoluzionaria dell'EZLN. Successivamente saranno rese note le aree delimitate dalle organizzazioni. Sono 19 mila 215 ettari".
Ci sono le firme di Pascual Pérez Gómez, Santiago Deara Gómez e Jacinto Hernández Moreno, commissario, consigliere di vigilanza ed agente ausiliare ejidali, rispettivamente, e tre membri del consiglio autonomo Comandanta Ramona. Ed i timbri di ognuno.
Ciò nonostante, da dicembre i priisti sono diventati ostili accusando gli zapatisti di quello che loro stessi facevano. Hanno parlato di aggressioni e del presunto arrivo di zapatisti armati. Quelli che sono arrivati sono gruppi di autonomi della regione Tzot'z choj per fare la guardia e partecipare alla ristrutturazione del luogo.
Oggi, quando esistono due "caselli" di pedaggio, uno dei priisti ed un altro degli autonomi, il conflitto è attizzato dagli ejidatari di La Concordia (sic) che chiedono al Congresso ed al governo dello stato di "risolvere un problema di convivenza" con "presunti zapatisti". Ed i priisti di Agua Clara, guidati da Pascual Hernández, vessano gli abitanti ed hanno inventato "sparizioni" ed aggrediscono i turisti.
(tradotto dal Comitato Chiapas "Maribel" - Bergamo)

MST: 25 anni di ostinazione



di João Pedro Stedile (membro del Coordinamento Nazionale del MST y della Vía Campesina Brasile)

Nel gennaio del 1984 ci fu un processo di avanzamento dei movimenti di massa in Brasile. La classe lavoratrice si stava riorganizzando, accumulando forze organiche. I partiti clandestini erano già in strada, come il Partito Comunista Brasiliano (PCB), il Partito Comunista del Brasile (PCdoB), etc. Avevamo conquistato una amnistia parziale, però la maggior parte degli esiliati erano rientrati. Si erano già formati il Partito dei Lavoratori (PT), la Centrale Unitaria dei Lavoratori (CUT) e il Congresso Nazionale della Classe Lavoratrice (CONCLAT), spinta dai comunisti che più tardi confluì nella CUT. Numerosi settori delle chiese cristiane ampliavano il loro lavoro di formichine, per generare coscienza e nuclei di base in difesa dei poveri, ispirati dalla teologia della liberazione. C’era entusiasmo dappertutto, perché la dittatura era ormai sconfitta e la classe lavoratrice brasiliana all’attacco: lottando e organizzandosi.
I contadini delle zone rurali vivevano lo stesso clima e lo stesso attacco. Tra il 1979 e il 1984 si realizzarono decine di occupazioni di terra in tutto il paese. I possessori (1), i senza terra, i salariati rurali, perdettero la paura. E iniziarono la lotta. Non volevano più migrare alla città come buoi che vanno al macello (con le parole del nostro poeta uruguayano Zitarroza).
Il risultato di tutto questo fu la l’incontro dei leaders delle lotte per la terra di sedici stati brasiliani. Ci riunimmo a Cascabel, nel gennaio 1984, stimolati dal lavoro pastorale della CPT (Commissione Pastorale della Terra). E lì, dopo 5 giorni di dibattiti, discussioni, riflessioni collettive, fondammo il MST: il Movimento dei Lavoratori Rurali Senza Terra.
I nostri obiettivi erano chiari. Organizzare un movimento di massa a livello nazionale, che potesse fare prendere coscienza ai contadini affinché lottassero per la terra, per la riforma agraria (comprendendo cambiamenti più grandi nell’agricoltura) e per una società più giusta e egualitaria. Volevamo, infine, combattere la povertà e la disuguaglianza sociale. E la causa principale di quella situazione nella campagna era la concentrazione della proprietà della terra, conosciuta come latifondo.
Non sapevamo se questo era possibile. Né quanto tempo sarebbe stato necessario per raggiungere i nostri obbiettivi.
Sono passati 25 anni. Molto tempo. Furono anni di molte mobilitazioni, tante lotte e di ostinazione costante, lottare e mobilizzarci contro il latifondo, sempre.
Pagammo caro per questa ostinazione. Durante il governo Collor la repressione fu dura, anche con la creazione di un dipartimento all’interno della Polizia Federale, specializzato per i senza terra. Più tardi, con la vittoria del neoliberalismo del governo di Fernando Henrique Cardoso ci fu il semaforo verde per l’attacco dei latifondisti e delle loro polizie provinciali contro il movimento. Ci furono nell’arco di poco tempo due massacri: Corumbiara e Carajás. Durante quegli anni centinaia di lavoratori rurali pagarono con la loro vita il sogno di una terra libera.
Ma continuammo la lotta.
Frenammo il neoliberalismo eleggendo al governo Lula. Avevamo la speranza che la vittoria elettorale potesse scatenare un nuovo avanzamento del movimento di massa e che, con esso, la riforma agraria avrebbe avuto più forza per essere messa in atto. Non ci fu riforma durante il governo Lula.



Al contrario, le forze del capitale internazionale e finanziario, attraverso le proprie multinazionali, aumentarono il controllo sull’agricoltura brasiliana. Oggi, la maggior parte delle nostre ricchezze, produzione e distribuzione di prodotti agricoli è sotto il controllo delle multinazionali. Queste, si sono alleate con i grandi proprietari capitalisti e hanno prodotto il modello di sfruttamento dell’agro-business. Molti dei loro portavoce si affrettarono ad annunciare nelle colonne dei grandi giornali della borghesia che il MST era finito. Un inganno.
L’egemonia del capitale finanziario e delle multinazionali sull’agricoltura, non è riuscito per fortuna a decretare la fine del MST. Per un solo motivo: l’agro-business non rappresenta nessuna soluzione ai problemi dei milioni di poveri che vivono nelle zone rurali. E il MST è l’espressione della volontà di liberazione di questi poveri.
La lotta per la riforma agraria che prima si basava solo sull’occupazione delle terre del latifondo, adesso si presenta più completa. Dobbiamo lottare contro il capitale. Contro la dominazione delle multinazionali. E la riforma agraria ha smesso di essere quella classica: espropriare grandi latifondi e distribuirli ai poveri contadini. Ora, i cambiamenti nella campagna, per combattere la povertà, la disuguaglianza e la concentrazione di ricchezza, dipendono dai cambiamenti non solo della proprietà della terra, ma anche del modello di produzione. Adesso i nemici sono anche le imprese internazionalizzate, che dominano i mercati mondiali. Significa anche che i contadini dipenderanno ancora una volta dalle alleanze con i lavoratori della città per poter realizzare le proprie conquiste.
Fortunatamente, il MST ha acquistato esperienza in questi 25 anni. Saggezza necessaria per sviluppare nuovi metodi, nuove forme di lotta di massa, che possano risolvere i problemi del popolo.
Nota (1) Contadini che hanno possesso precario della terra, sopratutto in Amazzonia, che tuttavia no hanno nessun titolo di proprietà.




(Rivista Caros Amigos, San Paolo, gennaio 2009).

Mobilitazione sociale in Ecuador

Dal 20 gennaio 2009 mobilitazione sociale.
Comunicato Consejo de Gobierno de la CONAIE
L’Ecuador, terra di tutti i popoli, e’ anche il paese tra piu’ piccoli dell’America del Sud. Dotato di una straordinaria diversita’ culturale e naturale, ospita dodici milioni di abitanti, il sessanta per cento dei quali, siamo popoli indigeni. Il nostro paese possiede una straordinaria ricchezza naturale che e’ stata gravemente danneggiata dalle peggiori tragedie ambientali: la distruzione dell’ Amazzonia nord a causa dell’estrazione del petrolio. Il giudizio contro Texaco e’ la prova della gravita’ di questa sitazione. L’Ecuador e’ anche conosciuto per una vita politica dove noi, i popoli indigeni, siamo stati attori determinanti e forti nella costruzione della democrazia. Nell’anno 1992, una marcia che duro’ di piu’ di dieci giorni, ci diede una vittoria storica come indigeni amazzonici: il riconoscimento dei nostri diritti territoriali. Da quel momento abbiamo lottato pacificamente per la soppravvivenza dell’Amazzonia e della nostra, che dipende da quella. I grandi interessi economici delle potenti imprese multinazionali sono stati la causa di un irreparabile disconoscimento dei nostri diritti. I successivi governi neoliberali sono stati defenestrati perche’ non garantivano i diritti fondamentali dei popoli che costituiamo l’Ecuador. Tre presidenti sono stati l’oggetto di una leggittima revoca del loro mandato senza spargere una sola goccia di sangue. Due di loro vivono in autoesilio per corruzione.
A partire dal venti gennaio, noi Popoli indigeni dell’Ecuador ritorneremo al nostro legittimo cammino di protesta e di esigenza di rispetto, dignita’ e garanzie per i nostri diritti e quelli di tutti gli ecuatoriani in generale.. Si realizzera’ una grande mobilitazione in tutto il paese.
Esigiamo che il governo non imponga al paese lo sfruttamento minerario a gran scala e a cielo aperto: le esperienze di altri paesi ci mostrano l’irreparabile e irreversibile distruzione dell’ecosistema, la contaminazione di importanti e fondamentali conche e fonti d’ acqua, la perdita di capacita’ e vocazione produttiva per la terra destinata all’agricoltura e le nefaste conseguenze per la salute di tutti. Consegnando il paese alle iimprese minerarie, si mette fortemente in discussione la sovranita’ nazionale e si negano tutte le petizioni di dialogo.
Noi saremo milioni e manifesteremo per i diritti riconosciuti e garantiti nella Costituzione politica dell’Ecuador nel convegno 169 della OIT e nella dichiarazione della ONU sui diritti dei Popoli Indigeni. Per la nostra protesta, noi popoli indigeni dell’Ecuador siamo stati minacciati, il nostro dissenso e’ stata criminalizzato in questi mesi, stigmatizzato da parte delle alte istanze del governo, attraverso discorsi e prese di posizione razziste. Siamo stati repressi violentemente per esercitare il nostro diritto alla resistenza. Il mondo deve sapere che noi lottiamo in modo pacifico e per la vita di tutti, per quella del pianeta.
Noi saremo milioni a manifestare per esigere il rispetto del diritto fondamentale all’acqua, alla salute, alla terra e ai territori, a non essere sgomberati dalle nostre terre. Lottiamo per il diritto a vivere in un ambiente sano e libero da contaminazione e per il diritto alla vita degli ultimi popoli indigeni liberi che vivono in Amazzonia senza contatto con la societa’ dominante; questi popoli sono minacciati di scomparire per la pretesa del governo di estrarre petrolio nei loro territori ancestrali. Un genocidio si sta annunciando e l’umanita’ non deve permetterlo.

Lotteremo sempre per la vita e la dignita’ di tutti i popoli.
Janeth Cuji

Consejo de Gobierno de la CONAIE

venerdì 16 gennaio 2009

E’ una guerra contro l’umanità

Intervista al Dr. Mustafa Barghouthi*

La situazione è molto grave, Israele ogni giorno commette un crimine di guerra e le vittime di questa guerra contro l’umanità sono ormai 6.500. Tutto questo accade a un milione e mezzo di persone chiuse nella Striscia di Gaza, se quanto sta accadendo a Gaza succedesse negli Stati Uniti (300 milioni di persone) in proporzione i morti in 20 giorni sarebbero 1.2 milioni. Questo per far capire la portata di quanto accade in Palestina. L’attacco a Gaza non è solo contro Hamas ma contro tutta la popolazione palestinese, i morti sono per lo più civili soprattutto donne e bambini.C’è un’unica situazione simile nella storia recente dell’umanità: il ghetto di Varsavia. A Gaza vivono 8.000 persone per ogni metro quadrato e ogni giorno sono costrette a stiparsi ancora di più perché dai lati estremi della striscia sono spinte al centro, in ogni casa vivono almeno 15 persone e sono attaccate con ogni tipo di arma possibile. Si tratta di un crimine di guerra e va fermato. Dobbiamo cambiare la situazione, Israele non si fermerà grazie a discorsi e parole altisonanti, non fermerà il massacro perché comprende che sta agendo al di sopra di qualsiasi legge internazionale. Israele non si fermerà dato che i governi del mondo non lo accusano di aver perpetuato crimini per 41 anni ma scaricano la colpa di quanto accade alle vittime di questo crimine di guerra.E’ per questo che chiediamo di sanzionare Israele, di organizzare manifestazioni, manifestazioni forti che producano effetti, che colpiscano Israele. E’ per questo che vi chiediamo di iniziare una pesante campagna di boicottaggio di Israele che continui non solo fino a quando il massacro di Gaza finisce ma fino a che fino a che l’occupazione e il sistema di apartheid non abbiano fine. La lotta palestinese non è fatto nuovo, Hamas sì è nuovo, ma non la lotta palestinese. E è iniziata più di cento anno fa. La resistenza palestinese è stata quasi sempre non violenta, pacifica con sporadici episodi di forte resistenza militare ma la verità è che non stiamo parlando di una guerra tra due eserciti. A Gaza è in corso una guerra di una parte che ne colpisce un’altra che non ha la possibilità di difendersi: è una guerra contro l’umanità.E’ una guerra in cui Israele è autorizzato a attaccare con ogni mezzo: caccia bombardieri, sottomarini, navi, tanks. Per questo va fermata. In questa guerra Israele sta usando il campo di Gaza come un campo di sperimentazione militare per alimentare e testare la propria industria militare che è diventata la quarta eportatrice a livello mondiale. Sanzioni e boicottaggio sono fondamentali, bisogna pretendere che i governi europei che dicono di rispettare i diritti umani interrompano qualsiasi forma di collaborazione con Israele, compreso le collaborazioni e le esportazioni militari, non ha alcun senso acquistare armi e attrezzature militari da un paese che perpetua crimini di guerra. Gaza è un terreno di sperimentazione per le industrie militari israeliane che ogni anno guadagnano miliardi di dollari grazie al bagno di sangue di Gaza. Gaza è un bagno di sangue: il sangue dei palestinesi è usato dai politici israeliani per le proprie campagne politiche. Non è una guerra - lo ripeto - contro Hamas ma contro i palestinesi, contro civili, donne, uomini e bambini. Bisogna che questa guerra sia fermata e per farlo dobbiamo iniziare campagne di boicottaggio: Israele va trattato come era trattato il Sud Africa dell’apartheid.La causa palestinese oggi è una causa di giustizia umana, la causa numero uno di giustizia umana in mondo.
Ci sono molte proteste contro Israele, l’Egitto attacca verbalalmente e poi tiene chiuso il passaggio di Rafah. Il presidente dell’Egitto ancora prima di questi attacchi aveva dichiarato che Gaza era ancora sotto occupazione quando Israele continuava a dire di essersi ritirato dalla Striscia. Ma non l’ha mai fatto. Come possono dire che hanno lasciato Gaza quando hanno sempre continuato a occupare lo spazio aereo, il mare, a vietare ai pescatori di pescare (e per questo hanno distrutto tutte le nostre imbarcazioni). Mubarak non ha mai avuto il coraggio di ammettere palestinesi senza il permesso di Israele perché è l’accordo che ha con Israele, che ufficialmente e a livello internazionale è ancora l’occupante di Gaza. Il che pone l’Egitto in una situazione diversa rispetto a Israele, non lo giustifica sia chiaro. Fossi io nella posizione di Mubarak aprirei il confine e romperei qualsiasi accordo con Israele. Fino a oggi però l’accordo è stato rispettato per non creare dissapori con gli Stati Uniti, con i paesi europei, con l’Onu che condividono quest’accordo con Israele. Ma l’accordo significa di fatto che Israele sta unilateralmente bloccando tutti gli accessi a e da Gaza.
In molti si chiedono: come mai nella Cisgiordiana non si manifesta contro quanto accade in Gaza? Sappiamo che la situazione in realtà è più complessa...Non è vero, nella West Bank ci sono manifestazioni e proteste, le più imponenti dal 2002. C’è tuttavia un problema con la polizia palestinese, con l’apparato di sicurezza palestinese cha ha tentato di vietare i cortei e reprimerli come accaduto la settimana scorsa a Ramallah. Come gruppi parlamentari abbiamo alzato dunque la voce contro quanto ha fatto la polizia a Ramallah. Io mi aspetto che domani (oggi venerdì, ndr) ci sarà sempre a Ramallah la più grande manifestazione del paese. Il problema però qui è che da un lato resistiamo alle azioni violente della polizia palestinese che viola il diritto alla libertà di espressione e dall’altro non vogliamo trasformare le principali contraddizioni che abbiamo con Israele in contraddizioni interne alla realtà palestinese. E’ quello che Israele voleva quando ha imposto la creazione di un enorme apparato di sicurezza che si mangia il 40 per cento delle economie palestinesi. Dovete capire che alcune persone, israeliani, l’amministrazione statunitense e pure quelli europei con gli addestramenti, stanno tentando di trasformare la polizia palestinese nella Cisgiordania in qualcosa di simile a agenti di sicurezza territoriali, in una specie di sotto-governo e noi vogliamo mantenere alte le contraddizioni con Israele.

*Fondatore del Union of Palestinian Medical Relief Committees e Ex ministro dell’informazione del governo di unità nazionale palestinese

giovedì 15 gennaio 2009

Gaza - Si intensificano i combattimenti

Intervista a Christian Elia, inviato in Cisgiordania per PeaceReporter

La nave del Free Gaza movement nella notte è stata costretta a fare ritorno a Cipro, sotto la minaccia di 4 unità della Marina israeliana.
Si è concentrata su Gaza city l’incursione di oggi, una vera e propria mattanza, quella che dalle prima ore della mattinata l’esercito israeliano ha messo in atto. L’avanzata, che non ha risparmiato niente e nessuno, è entrata dal sud della città e si è diretta con ferocia verso il centro. Donne, uomini, bambini, anziani, nelle strade cercano invano di scappare, ma a Gaza non c’è un posto dove trovare rifugio e l’esercito, ha sparato, anche contro chi inerme colto dalla paura tentava di scappare. Le immagini di un video Reuters mostrano le raffiche, durate ore, dell’artiglieria israeliana. L’Idf sta usando bombe al fosforo nel centro di Gaza. La denuncia dell’inviato della tv pan-araba Al-Jazeera, si associa alle dichiarazioni dell’Onu la cui sede è stata bombardata nella tarda mattinata. "Bisogna dire che fa molta notizia perchè è la sede dell’ONU, ma quello che è accaduto oggi sta accadendo da venti giorni", ci dice Christian Elia. Nell’escalation dell’attacco stamane è stato colpito anche un edifico di Gaza che ospita la stampa, compresa l’agenzia britannica Reuters. Due giornalisti della tv di Abu Dhabi sono rimasti feriti. Secondo quanto riferisce sempre Al Jazeera nei raid israeliani è stata colpita anche una sede della Croce Rossa. Poco dopo è stata colpita la sede della Mezzaluna Rossa, che si trova nella zona che ospita anche un piccolo ospedale. All’interno di questo ospedale erano presenti 500 persone tra operatori sanitari e feriti e i suoi locali sono andati in fiamme.
La cronaca di queste ultime ore nel collegamento telefonico con Christian Elia, inviato in Cisgiordania per PeaceReporter. [ audio ]

domenica 11 gennaio 2009

Mustafa Barghouti: “Care Hamas e Fatah è necessaria l’unità di tutti i palestinesi”


di Francesca Marretta - Liberazione
Anche ieri è sceso in piazza a manifestare per la fine della guerra a Gaza Mustafa Barghouti, medico e segretario del movimento progressista Al-Mubadara. Nel giorno in cui scade il mandato del Presidente Abbas, Barghouti, denuncia i «crimini» commessi a Gaza, ma anche le azioni «vergognose» commesse in West Bank dalle forze di sicurezza dell’Anp.
«A Gaza sono commessi crimini di guerra e contro l’umanità. Vengono uccisi soprattutto civili. Israele non potrebbe farlo senza la complicitá della comunitá internazionale. Questo deve finire, come deve finire questa guerra. La risuluzione votata al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su Gaza, potrá non essere la migliore in cui si potesse sperare, ma va implementata immediatamente. E gli Israeliani si rifiutano d’implementarla. Servono sanzioni contro Israele. L’Unione Europea deve dire a Israele che se non si attiene alla risoluzione saranno sospese le trattative per il razzorzamento delle relazioni bilaterali».
Anche Hamas rifiuta di implementare la risoluzione Onu.«L’hanno rifiutata? Stamattina (ieri, ndr.) io ho sentito una dichiarazione del Jihad Islami su un accordo con Hamas per accettarla. Hanno detto che non fanno particolare affidamento sulla risoluzione, ma non mi risulta che non la acettino.
Chi incolpa per la situzione a Gaza?Israele e gli Stati Uniti in primis. E il silenzio e la compilcitá della comunitá internazionale che permette a Israele di fare quello che fa.
Hamas e l’Anp non hanno responsabilità?La situazione che si è creata tra Hamas e Fatah ha certamente contribuito a creare un grande problema. Ora scoprono che si sono fatti la guerra per la conquista di un Autorità che non esiste. Un’autorità che esiste solo nelle loro teste. Di fatto noi siamo tutti sotto occupazione. Ma la situazione nella West Bank è grave. Oggi le forze di sicurezza dell’Anp hanno compiuto azioni vergognose a Ramallah. Hanno attaccato una manifestazione civile, hanno picchiato, hanno usato gas lacrimogeni. E’ una vergogna che la sicurezza dell’Anp attacchi palestinesi che manifestano in solidarietá con Gaza.
Perchè vi hanno attaccato?Non lo so. So solo che sbagliano. Credo che l’Anp subisca pressioni da parte di diversi paesi terzi che cercano di mettere l’Anp contro la propria gente. Questo fa comodo a Israele. Gli isrealiani vogliono l’indebolimento del fronte palestinese. Non vogliono che i palestinesi abbiano una leadership forte. Ma noi palestinesi dobbiamo essere uniti. La sinistra palestinese sta lavorando alla riunificazione.
Crede ancora possibile la ricucitura tra Hamas e Fatah?Quello che sta accadendo a Gaza ci fa sentire sotto la stessa aggressione. Esiste una spinte pubblica all’unità. E noi vogliamo che questa pressione, questo sentire, si trasformi in azione. Vogliamo fermare cose orribili come queste viste in piazza a Ramallah (cariche della polizia sui manifestanti, ndr.) per tornare uniti il prima possibile.
Che impegno mostra in questo senso l’Anp? Io so che sono tanti in Fatah a voler tornare all’unità. E’ vero anche che c’è una parte che rema contro. La questione è ora capire chi prevarrà. Io spero prevalga un fronte patriottico.
Il mandato del Presidente Abbas è finito. Che succede da oggi?Succede che resta in carica almeno un altro anno, ma che è molto più debole. Questo è un altro segnale che indica quanto sia difficile per i palestinesi avere un’autoritá forte. Non abbiamo bisogno di gente che ci governi mentre siamo sotto occupazione, ma di una leadership palestinese forte. Una leadership unitaria. E’ informato dell’atteggiamento che intende assumere Hamas rispetto alla permanenza di Abbas in carica?Hamas ha detto che questo non è il momento di discutere della questione della Presidenza. E secondo me è una posizione ragionevole. Poi dovranno esserci elezioni, ma potranno svogersi solo quando ci sará un accordo e ci sará consensus.
Rispetto al ritorno all’unità, cosa dice della notizia che in questi giorni, a Gaza vi sarebbero state esecuzioni da parte di Hamas, di esponenti di Fatah considerati collaborazionisti?A Gaza sono tutti uniti contro gli Israeliani. Se si riferisce all’articolo di Amira Hass su Ha’aretz, posso dire che me lo ha inviato, che tali voci sono infondate e che il suo giornale ha sbagliato il titolo. Lei ha scritto che sono stati uccisi collaborazionisti, non gente di Fatah.
Che ruolo sta svolgendo la sinistra palestinese nella mediazione Hamas Fatah per il ritorno all’unità nazionale?La sinistra, come ha fatto in passato intende svolgere un ruolo catalizzatore per l’unitá per esporre i crimini che si stanno compiendo a Gaza. Lo facciamo a livello diplomatico e mediatico. I palestinesi non sono solo Hamas e Fatah, ecco perchè possiamo avere un ruolo importante.
Ci avete provato in passato senza successo, perchè dovreste riuscirci adesso?Non è vero siamo riusciti ad arrivare al governo di unità nazionale, ma nè gli Stati Uniti, nè l’Europa lo hanno appoggiato. Se quel governo avesse funzionato non credo avremmo assistito alle cose terribili venute dopo e a quelle che vediamo adesso. Quindi il nostro scopo era stato raggiuto. Sono state le influenze e le posizioni esterne che hanno portato al disastro. Ora ci riproviamo.
Che interesse ha Hamas a entrare in un governo che nessuno riconoscerebbe proprio per la presenza del movimento islamico?Questo è il punto. Dobbiamo trovare la condizione per lavorare tutti insieme. Se diciamo a Israele nessuno di noi vi parlerá a meno che non accettiate di parlare con noi tutti in uno stesso governo, sono sicuro che riusciremo a rompere l’isolamento. Ora tutta la comunitá internazionale ha capito che non è possibile battere Hamas sul piano militare. Quindi bisogna parlarci.
L’amministrazione Obama secondo lei in questo senso fará differenza?Spero di sì. Da quello che dice pare diverso rispetto alle precedenti amministrazioni. A questo proposito io credo che questo attacco a Gaza sia legato alla fine del mandato Bush per scardinare sul terreno la possibilitá che Obama faccia quello che avrebbe intenzione di fare. Che non va bene per Israele. Questa guerra a Gaza non impatta solo sui palestinesi, ma sull’intero Medio Oriente. Crea tesioni con Siria e Iran. E Obama ha annunciato di ritiro dall’Iraq.

sabato 10 gennaio 2009

Settimana di provocazioni agli zapatisti da parte di appartenenti all’organizzazione Orcao

articoli di Hermann Bellinghausen - La Jornada del 7-8 e 9 gennaio 2009

DENUNCIATE NUOVE AGGRESSIONI DELLA ORCAO
Bosque Bonito, Chis. 7 gennaio - La giunta di buon governo (JBG) Corazón del arco iris de la esperanza ha denunciato l’aggressione di elementi dell’Organizzazione Regionale di Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao) contro basi di appoggio zapatiste della comunità Moisés Gandhi, nella regione zapatista Tzotz’choj, vicino alla crocevia di Cuxuljá.
L’aggressione, avvenuta lunedì, ha lasciato sul terreno tre zapatisti feriti. Quel giorno ed i seguenti, elementi della Orcao ed il governo dello stato sostenevano il contrario davanti alla stampa, e senza fare chiarezza sull’episodio, riferivano di cinque "feriti lievi" della Orcao, che sarebbero stati gli aggrediti. Quello stesso giorno si diffuse per radio, a Città del Messico, la versione di "14 morti", che ovviamente non ci sono stati.
In quei momenti si concludeva a San Cristobal de las Casas il Festival della Degna Rabbia, convocato dall’EZLN. I fatti sono avvenuti a Bosque Bonito, un terreno recuperato dopo la sollevazione armata del 1994.
Il pomeriggio di oggi sono tornati a circondare la proprietà circa 30 membri della Orcao, alcuni armati. A meno di un chilometro, verso Abasolo, si sono appostati diversi veicoli della Polizia Statale Preventiva e Stradale. Al tramonto, entrambi i gruppi si sono ritirati.
I problemi sono cominciati il 2 gennaio. Basi zapatiste che coltivano il podere hanno trovato tagliato il recinto del pascolo ed una mucca era sparita. La JBG riferisce: "Sono andati a cercarla ed a controllare il recinto ed hanno scoperto che quelli della Orcao avevano tagliato nove tratti del recinto". Lo stesso giorno "quelli della Orcao di Cuxuljá hanno tagliato 35 alberi di caffè di proprietà del nostro compagno Pedro López Sántiz". Gli zapatisti assicurano che "spesso vengono a fare danno nel nostro raccolto".
Domenica 4 i contadini hanno trovato la mucca "ferita da machete nella zampa destra" e verso le cinque del pomeriggio sono arrivate circa 30 persone della Orcao, "con parole volgari e minacciando di toglierci la terra con le buone o con le cattive, perché noi zapatisti non contiamo più niente e non esistiamo più, e che il nostro compagno subcomandante insurgente Marcos si è venduto ai neoliberisti".
Secondo la JBG, i loro compagni non hanno risposto alla provocazione. Mentre si ritiravano, "il gruppo della Orcao è rimasto sul posto minacciando col machete e colpendo il palo della luce che si trova sul terreno. Più tardi i nostri compagni sono tornati sul posto ed hanno scoperto il recinto di filo di ferro che circonda il pascolo, tagliato in 16 punti".
Il giorno 5 gli zapatisti si sono organizzati per aggiustare quello che avevano tagliato quelli della Orcao". Sono arrivati alle 7:30 "con l’intenzione di lavorare, senza nessuna intenzione di farsi risarcire il danno".
La testimonianza raccolta dalla JBG spiega: "Stavamo lavorando tranquillamente pulendo il prato, quando 60 elementi della Orcao si sono avvicinati attraversando un ruscello e con la totale intenzione di colpirci con machete, bastoni, lanciasassi e pietre, ma per lo più hanno usato dei bastoni appuntiti lanciandoli contro di noi.
"Mentre quelli della Orcao avanzavano, i nostri compagni sono retrocessi di 100 metri, ma loro continuavano a venire avanti". Trovandosi a 15 metri dagli aggressori, Diego Sántiz Gómez, base zapatista, è stato raggiunto da un bastone trasformato in lancia che gli ha provocato una profonda ferita alla bocca. "Nicolás Sánchez López si è avvicinato al nostro ferito e, mentre lo soccorreva, è stato raggiunto da un bastone che lo ha ferito in fronte. Anche Jacinto López Sántiz, di 60 anni, è stato picchiato brutalmente ed ha ferite in testa e nella schiena".
Un gruppo di circa 60 basi zapatiste presenti all’aggressione "si sono di nuovo ritirati di altri 100 metri ed un’altra volta quelli della Orcao sono avanzati continuando a minacciare ed i nostri compagni, vedendosi raggiunti, hanno risposto con gli stessi bastoni scagliati da quelli della Orcao, e questi si sono messi a piangere".
La JBG “afferma" che "sono stati quelli della Orcao a provocare questo scontro perché i nostri compagni non hanno risposto agli insulti ed alle minacce". Hanno identificato alcune delle persone armate: "Marcos López Gómez aveva una pistola di calibro sconosciuto; Joaquín López Gómez aveva una pistola di calibro sconosciuto; Antonio López Sántiz aveva una carabina 22 a 16 colpi". Un altro, non identificato, aveva un’altra carabina 22.
Gli aggressori, perredisti conosciuti come "lopezobradoristas", sono abitanti di Cuxuljá, Campo Virgen e Abasolo (municipio ufficiale Ocosingo). In precedenza avevano già occupato il podere Gracias a Dios "e Marcos López Gómez lo vendette". Quelli della Orcao ci hanno sottratto altri lotti". Sono le stesse persone che nel 2000 hanno tentato di bruciare il negozio collettivo di zona a Cuxuljá, all’incrocio Altamirano-San Cristobal-Ocosingo. "Adesso vogliono toglierci la nostra terra", aggiunge la JBG.

L’aggressione a Bosque Bonito è avvenuta per interferire con il Festival de la Digna Rabia
Zapatisti: I malgoverni sono complici degli abusi della Orcao

Ejido Morelia, Chis., 8 gennaio - "I compagni non hanno usato violenza né armi. Gli unici aggressori sono quelli della ORCAO", dice il comandante Zebedeo, accompagnato dai contadini zapatisti aggrediti lo scorso lunedì a Bosque Bonito dai elementi dell’Organizzazione Regionale di Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao); tra loro ci sono tre feriti con le bende e le medicazioni in testa e in faccia. Diego Sántiz López ha una vistosa fasciatura che gli copre la guancia.
Con ironia Zebedeo si riferisce alla "doppia maschera" sul viso di Diego: "quella della ferita e quella che lo identifica zapatista", ed è il motivo - ha detto - "della nostra indignazione" davanti al tentativo di quelli della Orcao di "interferire" nel Festival della Degna Rabbia che finiva a San Cristobal de las Casas lo stesso giorno dei fatti di Bosque Bonito.
"Questo dà ragione a quello che stiamo dicendo a proposito della rabbia. Quello che i compagni vogliono è una vita dignitosa, il buon esercizio, libero e autonomo, dei popoli indigeni".
Cede la parola ai suoi compagni, circa 15 contadini tzeltales. Raccontano praticamente il comunicato diffuso ieri dalla giunta di buon governo (JBG) dal caracol Torbellino de nuestras palabras, in cui denunciava, inoltre, che "i cosiddetti governi non fanno niente contro questa gente della Orcao, e la Segreteria della Riforma Agraria si rende complice perché queste persone che occupano la terra, poi la cominciano a vendere e la trasformano in commercio. Quando non ne hanno più nemmeno un pezzettino da lavorare per vivere, tornano ad occupare un altro terreno".
Bisogna ricordare che dopo la rottura - sette anni fa - dell’accordo collettivo con le basi zapatiste nella comunità Moisés Gandhi, quelli della Orcao costruirono un caseggiato ai bordi della strada e lo chiamarono "Jetjá". In tutti questi anni, il caseggiato, su terre "concesse" dal governo di Pablo Salazar Mendiguchía, è rimasto semideserto.
Le autorità autonome hanno dichiarato ieri: "Non ci sarà nemmeno un millimetro di terra per loro e sappiano che questo lo pagheranno molto caro, perché il sangue non si compra né si vende. Nella proprietà dove lavoriamo collettivamente, quelli della ORCAO sono venuti a disboscare ed il governatore Juan Sabines non fa niente".
La Orcao, "organizzazione che si definisce indipendente" che la JBG identifica come "lopezobradorista", ha causato "caos" sulla strada San Cristobal-Ocosingo facendo dei posti di blocco. "Ad ogni utente chiedono da 50 a 200 pesos; fanno questi blocchi per fare pressione sul suo papà governo perchè gli assegni altri progetti, e siccome la risposta dei malgoverni è negativa, chiudendo le porte anche alle briciole, i leccapiedi si offendono e estorcono soldi agli utenti che sono anche loro poveri, ma a loro non importa perché il leader della Orcao, José Pérez ed i suoi complici, hanno imparato bene dalle corruzioni del presidente municipale (di Ocosingo, Leonel Solórzano), dei governi statale e federale".
Citano come prova che il lunedì scorso "il problema si stava placando ed hanno subito fatto un blocco nello stesso posto chiedendo 50 pesos per automobile senza che Juan Sabines facesse qualcosa" perché "presto avrà bisogno dei loro voti".
I giornalisti che nella notte sono arrivati all’incrocio di Cuxuljá hanno trovato ubriachi ed aggressivi i tizi che facevano il blocco, ed è stato meglio evitarli.
Secondo la JBG, nelle azioni di questa organizzazione si vedono chiaramente i piani dei grandi impresari per tenerli sono controllo, istruiti a dovere, trasformati in fannulloni ed addomesticati con i soldi facili; insegnando agli indigeni a trasformare in un affare le risorse naturali, e con i pesos, li stanno allontanando dal lottare per esercitare i loro diritti come indigeni, e non parliamo di cercare una vita migliore.
"Ci spezza il cuore vedere indigeni farsi complici dei malgoverni nel vendere la sovranità del nostro paese ad impresari stranieri. Nei nostri territori zapatisti della zona Tzot’z choj ci sono diverse miniere che sono disposti a vendere ad impresari stranieri, ed i venditori e distruttori della natura e della nostra madre terra sono questa coppia di asini di Felipe Calderón e Juan Sabines. Loro non pensano mai di consultare gli indigeni, anche se questi sono dentro il PRI, il PAN ed il PRD; non li prendono nemmeno in considerazione, e tanto meno noi".
La JBG ritiene che quelli della ORCAO sono dentro questo gioco senza rendersene conto". E sottolinea: "La grossa minaccia alla nostra salute, tranquillità, cultura e risorse naturali in questa zona è l’apertura dell’autostrada San Cristobal-Palenque, non perché porta benessere e sviluppo agli indigeni, al contrario, ci porterà la morte, il disprezzo ed il totale saccheggio dei nostri beni.
"La trappola - aggiunge - è che stanno ottenendo l’apertura dell’autostrada negoziando persona per persona, mano a mano che avanzano i lavori, per passare su terreni ejidali senza tenere in considerazione la decisione delle assemblee, e forse parleranno con i commisari dell’ejido ma che condividendo l’osso che gli sta allungando Calderón e Sabines".
La situazione "da brivido" di esproprio di terre nella zona "e maggiormente il programma del malgoverno di privatizzare le nostre ricchezze naturali, sono la ragione della nostra resistenza, e soprattutto la virtù della degna rabbia che è nazionale, la ragione per unirci ed unire le nostre voci perché è necessario per evitare i saccheggi ed i furti che perpetrano ricchi".
La JBG avverte: "Sappiamo bene che quando noi denunciamo le trappole dei malgoverni a loro non piace e cercano di reprimerci".

Hanno cercato di entrare con la forza ed hanno chiesto di vedere dei rappresentanti.
Tensione nel caracol per l’arrivo di 220 elementi della Orcao

Ejido Morelia, Chis. 9 gennaio - Provenienti da Sibacá (Ocosingo), alle 8 circa sono arrivate 50 persone dell’Organizzazione Regionale dei Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao) a bordo di tre camion fino ai cancelli del caracol zapatista e, colpendoli, hanno cercato di entrare con la forza. Non sono riusciti a rompere la catena ed hanno desistito. Nelle ore successive sono arrivati altri veicoli. Alle 11 erano ormai 220 persone e 19 tra camion e furgoni. Tra grida e minacce, guidati dal dirigente José Pérez Gómez, chiedevano di entrare per parlare con la giunta di buon governo (JBG).
In realtà, la JBG aveva accettato di discutere con la Orcao la proprietà del podere Chijtal, terre recuperate dalle basi zapatiste nel 1994 nella regione autonoma Che Guevara del municipio Lucio Cabañas, e che reclama l’organizzazione di coltivatori di caffè, di filiazione perredista.
"Loro si sono spaccati e le terre sono rimaste nelle mani dell’EZLN. Le terre recuperate sono già state misurate ma c’è stato un accordo per aprire una discussione con i fratelli della Orcao", ha detto la JBG a La Jornada.
La JBG aveva acconsentito a ricevere 15 rappresentanti della Orcao, ma questi insistevano per 30, adducendo che era il numero di comunità presenti, anche se quelle dichiarate sono solo 12, come risulta dal documento, completo di timbri e firme, lasciato in terra fuori del caracol. Il clima era teso. Minacciavano di irrompere nella sede autonoma. Presto sono iniziati ad arrivare veicoli con basi di appoggio zapatiste delle comunità della regione Tzot’z choj che sono entrati direttamente nel caracol, senza scontrarsi con i contadini tzeltales, che si sono dichiarati perredisti o priisti.
Col gruppo del Orcao c’erano anche Nicolás López Gómez, Leticia Sántiz López e María Cleopatra Carrillo Cabrera, rappresentanti di Unorca e della denominata Commissione delle Donne. Hanno accusato la JBG di "non avere buona volontà non ricevendo la commissione proposta". Più tardi, la stessa JBG dichiarava che "la commissione proposta" era una provocazione, ma non si sono mai rifiutati di ricevere quelli della Orcao. "Li stavamo aspettando per una riunione". In realtà, Orcao aveva mancato ad un appuntamento precedente.
Un altro problema era nell’aria, benché non in relazione con quanto si doveva discutere. Data lo scorso 26 novembre, quando Juan Urbina, dipendente di una ditta costruttrice di Macuspana (Tabasco), con un contratto del costruttore López Flores, di Yajalón (Chiapas), distrusse col suo macchinario la tubatura che porta l’acqua nella comunità Patria Nueva, vicino a Sibacá e sede della regione Primero de Enero del municipio autonomo Lucio Cabañas, dove abitano zapatisti e "orcaisti".
Il dipendente e l’impresa si erano impegnati a riparare il danno sia sulla tubatura che sulle strade del villaggio. Patria Nueva è da un mese e mezzo senza acqua. Non l’hanno fatto. Neanche "il problema non è nemmeno con la Orcao, ma con la compagnia", ha spiegato più tardi un membro della JBG circondato dai suoi compagni.
Dopo settimane di proteste, la mattina di ieri gli zapatisti hanno fatto venire Urbina al caracol. Non avendo risolto il problema, è stato trattenuto dalla JBG fino alla mattina di oggi, quando ha rinnovato il suo impegno di ripristinare la tubatura distrutta e se n’è poi andato a bordo della sua auto.
Da parte sua, e "approfittando del viaggio", quelli della Orcao volevano oggi discutere con la JBG la questione di Chijtal ed altre faccende sulle quali non ci sono impegni: i diverbi per la strada Patria Nueva-San Marcos ed il tratto Corazón de María-Ojo de Agua. Inoltre, in quest’ultima località la Orcao ha bloccato il passaggio ed impedisce alle basi zapatiste di trasportare legno per costruire nuove strutture nella scuola autonoma di Primero de Enero.
Il concentramento di "orcaisti" è durato fino alle 13:30. Prima di ritirarsi hanno insultato e minacciato gli osservatori internazionali che si trovavano nel caracol, provenienti da cinque paesi.
Quelli della Orcao "gridavano insulti, come è loro abitudine", ha raccontato la JBG. Se ne sono andati gridando "morte all’EZLN" e "che muoiano di sete", riferendosi alla tubatura rotta a Patria Nueva.
"La provocazione è stata della Orcao", ha dichiarato la JBG. Nel pomeriggio nel caracol c’erano diverse centinaia di indigeni zapatisti. "I compagni sono venuti a proteggere, non a scontrarsi".
Questi fatti avvengono nel contesto di molti conflitti nella regione avvenuti nei giorni scorsi sui quali ci sono state informazioni confuse, false o contraddittorie, ma che prefigurano una situazione potenzialmente esplosiva. Dall’attacco di Orcao agli zapatisti a Bosque Bonito, il giorno 5, a seguito del quale si era detto falsamente che c’erano 14 morti, fino alle divergenze tra priisti e zapatisti nello stabilimento balneare Agua Clara, dove si era parlato di tre desaparecidos, risultato falso.
Oggi è stato comunicato, con molta imprecisione, un altro scontro tra contadini filo-governativi e presunte basi zapatiste nell’ejido Agua Azul, nella vallata di Taniperlas (niente a che vedere con le cascate di Agua Azul a Tumbalá). Deve essere confermato. Una settimana prima, un altro scontro a Palenque era stato falsamente attribuito agli zapatisti.

(tradotto dal Comitato Chiapas "Maribel" - Bergamo)