mercoledì 18 gennaio 2017

Argentina - La comunità Mapuche vittima delle violenze della polizia, il responsabile si chiama Benetton


Benetton e i Mapuches
Terreni di proprietà della Benetton
La storica controversia tra Benetton e i Mapuches in Patagonia si sta aggravando. Benetton in Patagonia possiede 800.000 ettari. La comunità mapuche sostiene di avere i domini di parte del vasto territorio che detiene la Compagnia delle terre del sud argentino, proprietà di Benetton dal 1991. La società si dichiara proprietaria di un territorio oggetto di controversia dal 1891, poco dopo la fine della cosiddetta Campagna del Deserto, che mise fine ai possessi indigeni nella zona tra il 1878 e il 1885. Secondo Benetton, che oggi è uno dei più grandi proprietari terrieri stranieri in Patagonia e in Argentina, non c’erano mai stati reclami da parte dei mapuche prima le terre venissero da lui acquistate.

Giorni fa forze della polizia sono entrate due volte in una comunità mapuche nella provincia di Chubut, a 1.700 chilometri da Buenos Aires, e represso  con pestaggi e sparatorie.  Il risultato è di nove mapuche feriti, dieci arrestati e cinque poliziotti.
L’oggetto immediato di protesta è l’uso che la Provincia di Chubut di fa del treno La Trochita. Un tempo la linea ferroviaria aveva uno scopo sociale, trasportando la gente di luogo in luogo , ma ora il treno  è utilizzato esclusivamente per turismo. Gli abitanti vogliono che la Provincia li avvisi ogni volta che la linea deve essere utilizzata, in modo che si capisca che queste terre appartengono a loro. Un tavolo di trattativa stato interrotto dopo tentativi di accordo e i Mapuche sono scesi in agitazione, bloccando strade, occupando terre. In Argentina cresce attenzione e sostegno al popolo Mapuche. Vi è stata una presa di posizione di Amnesty International. “Occorre ripensare le forme di coordinamento con le comunità”, ha detto Paola Rey Garcia, direttrice di Protezione e Promozione dei diritti umani di Amnesty International Argentina. Significativa è una lettera aperta, dura e pesantissima, de las Madres de Plaza de Mayo a Benetton:
Benetton, ladro,  predatore, sfruttatore,  assassino di popoli indigeni:
Le Madri di Plaza de Mayo vogliamo dirle giù le mani, perché nel suo affanno di far più soldi per lei e la sua famiglia non si rende conto delle conseguenze noi lo intendiamo fermare perché la mano nel tentativo di Lei  e la sua famiglia siete torturatori e assassini del nostro popolo. I vostri beni grondano di sangue indigeno.
 Il cibo che mangia è fatto di bambini che uccide tutti i giorni con il suo atteggiamento di tutti i giorni.
Benetton, quando morirà sarà mangiato da vermi che si intossicheranno in quanto il suo corpo è responsabile dei crimini di uomini, donne e bambini che hai ucciso per tanti anni.
Chi acquista marchio di abbigliamento sa che è pieno di sangue? ll fuoco dell’inferno non basterà a bruciare un corpo come il suo con tanti peccati.
Hebe de Bonafini, Presidente dell’Associazione Madri di Plaza de Mayo
Più politici sono i messaggi che Il gruppo di artiste tessili Puntadas Ranquelas invia all'indirizzo email di Benetton in Italia: “Benetton contraddice la sua politica a favore della diversità, che è pura apparenza e strategia di marketing visto che è complice e causa principale della repressione dei popoli indigeni nel Chubut, Patagonia argentina.  Che il mondo intero sappia, ed è quello che faremo. Benetton fuori dall’Argentina.”
Lo storico Osvaldo Bayer, dopo aver visto le scene di brutalità contro i Mapuche, si è scagliato contro Mauricio Macri che permette la repressione e ha affermato: “Otra vez, la Patagonia rebelde”, “Un’altra volta la Patagonia ribelle.”
tratto da Pressenza